MARTINSICURO – Si decidono domani, venerdì 27 luglio, le sorti di via Colombo, su cui incombe la chiusura per l’avvio del cantiere di costruzione del sottopasso ferroviario.

Una decisione imposta dalle Ferrovie dello Stato che l’amministrazione Camaioni sta cercando di scongiurare fino al 20 agosto, quando si prevede che il flusso turistico sarà minore, così come gli inevitabili disagi al traffico che pure si registreranno.

Il sindaco Camaioni ha inviato ieri alle Ferrovie la seconda lettera in cui chiede nuovamente (dopo il primo appello caduto nel vuoto) un rinvio della chiusura della strada.

In base al programma, via Colombo dovrebbe chiudere non appena pronta la bretella di via Bolzano, su cui verrà convogliato il traffico. La strada è ormai sistemata (mancano solo alcuni dettagli che saranno risolti nei prossimi giorni) tanto che entro il 31 luglio può essere aperta.

Nonostante gli appelli del primo cittadino, il direttore dei lavori delle Ferrovie dello Stato, l’ingegner Esposito, non si sbilancia sul da farsi. “Domani avremo un incontro con l’amministrazione comunale e la ditta incaricata dei lavori e cercheremo di trovare una soluzione che possa trovare tutti d’accordo” . Sul piatto da una parte le esigenze del Comune che preme per lasciare accessibile anche ad agosto, il mese con più presenze turistiche, una delle principali vie di accesso a Martinsicuro, dall’altra quelle della ditta che realizzerà il sottopasso, che rischia di incorrere in sanzioni pecuniarie qualora i lavori non vengano eseguiti nei tempi stabiliti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 835 volte, 1 oggi)