SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La grana stadio diventa, per Gaspari, anche grana politica. I consiglieri comunali del Popolo della Libertà, Luca Vignoli e Pierluigi Tassotti, tornano infatti a ruggire contro l’amministrazione comunale con un attacco diretto al primo cittadino in merito alle condizioni dell’impianto sportivo di Viale dello Sport. “Appare stridente – tuonano – il contrasto tra la gravità della situazione che riguarda lo stallo dei lavori per la messa a norma del Riviera delle Palme e l’immobilismo, o il menefreghismo, del sindaco e della sua amministrazione sulla intera vicenda”.

Le conseguenze negative del caso, per i due esponenti di centrodestra, sarebbero di conseguenza numerose: “Lo stadio, innanzitutto, che doveva diventare il fiore all’occhiello dello sport cittadino, è una brutta incompiuta che va avanti a forza di proroghe prefettizie e autorizzazioni provvisorie. Ciò porta a società e squadra bloccate, o quasi, nell’incertezza sulle modalità di soluzione di una questione così importante”. Ed ancora: “Ditte, per lo più locali, che hanno fatto i lavori e non sono state ancora pagate e cittadini e tifosi che stentano a capire le ragioni delle parti in causa e, soprattutto, non vedono uno spiraglio per la soluzione della intricata vicenda”.

Vignoli e Tassotti ribadiscono dunque la sorpresa per la posizione attendista di Gaspari, “dato che il Comune è pur sempre il proprietario dello Stadio  e, ad esempio, se chi fino ad oggi ha tirato la carretta dovesse per sventura o per qualunque altro motivo mollare, l’amministrazione comunale si troverebbe addosso comunque il grosso problema di come completare la messa a norma della struttura. Non si capisce allora – proseguono –come si possa parlare di grandi eventi sportivi da organizzare al Riviera delle Palme, come ha fatto il sindaco qualche giorno fa, quando a malapena ci si riesce a far disputare partite di campionati  dilettantistici. Sarà pure il caso che il Comune cominci ad interrogarsi su come dare una mano per fornire il proprio contributo, soprattutto se fosse determinante alla risoluzione della questione; anche perché, altra cosa che non si capisce, i soldi non ci sono mai ma quando servono per cose particolari, tipo sea-card o festival del musical, i soldi ci sono sempre. E’ fondamentale che si rompano gli indugi e che si medi per arrivare ad una soluzione”.

Nel frattempo, il Pdl porterà avanti la propria battaglia con la richiesta urgente della convocazione della Commissione competente (Sport o Lavori Pubblici) per trattare al più presto tale problematica: “Discuterne in Consiglio Comunale? Ci abbiamo pensato – ammette Vignoli – tuttavia riteniamo che serva una discussione magari meno spettacolare ed eclatante, ma più concreta. Vogliamo davvero fare luce sugli aspetti oscuri di questa vicenda”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.637 volte, 1 oggi)