SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una Provincia “giunta al capolinea”. Il giudizio, apparentemente definitivo, su Palazzo San Filippo arriva da Antimo Di Francesco, segretario provinciale del Partito Democratico. Per l’ex vicesindaco sambenedettese infatti, la giunta Celani sarebbe totalmente priva di programmazione in vista dell’imminente futuro: “Il territorio è in una condizione emergenziale. La situazione è di disagio ed investe soprattutto i giovani”.

Una fotografia drammatica, che colpisce pure l’industria: “E’ assente, il processo di crescita non c’è. L’ente provinciale è strutturalmente deficitario”. Poi Di Francesco lancia l’accusa più dura: “Si rischia seriamente il dissesto finanziario”. Ad ammetterlo sarebbe lo stesso Collegio dei Revisori, chiamato in causa dal segretario democrat: “Recentemente ha avvisato che servono dei correttivi al Bilancio di Previsione 2012 affinchè da una situazione deficitaria non si giunga a una situazione di dissesto finanziario. La consistenza del debito è superiore al 140% rispetto alle entrate correnti”.

ASSESSORI BOCCIATI Il Pd boccia pertanto Celani e la sua squadra: “L’operato è fortemente negativo, dopo tre anni ci troviamo di fronte al vuoto assoluto. Gli assessori sono stati completamente inerti”.

INCARICO AL GIOVANE POMPEI Di Francesco ha infine annunciato la promozione politica del giovane Gianluca Pompei all’interno del partito. Per lui ecco gli incarichi con delega all’innovazione tecnologica, al marketing territoriale e alle politiche del mare. “Ha capacità e s’impegna”, spiega Di Francesco. “E’ da tempo al servizio del partito, era opportuno dopo un periodo di attività intensa avvalersi del suo supporto. Siamo favorevoli alla valorizzazione dei giovani”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 866 volte, 1 oggi)