MARTINSICURO – Il Martinbook Festival torna dal 15 al 21 luglio a Martinsicuro con sette serate di arte, musica, libri, incontri con autori. Un programma ricco di appuntamenti con la cultura nelle sue molteplici espressioni, dove l’intrattenimento e lo svago si intersecano con dibattiti e momenti di riflessione.

Un connubio di collaborazioni e partecipazioni tra i più variegati al Martinbook Festival 2012: talenti emergenti ed affermati, nomi di spicco sul panorama nazionale ed autori locali, artisti, giornalisti, poeti, letterati che, ancora una volta, si sono dati appuntamento per una settimana sotto il cielo di Martinsicuro.

La manifestazione, giunta alla terza edizione ed organizzata dall’associazione Martinbook, dal Comune di Martinsicuro e dalla Di Felice Edizioni, quest’anno cambia formula e presenta alcune novità. Non ci saranno gli stand con i libri sulla rotonda Las Palmas e le serate saranno dislocate tra la Torre Carlo V, il lungomare e il centro cittadino.

La suggestiva costruzione cinquecentesca ospiterà domenica 15 luglio a partire dalle 21,15 l’Anteprima del Festival, con una serie di appuntamenti con l’arte e la cultura.

Dopo i saluti delle istituzioni, la serata si apre con la presentazione della ricerca-documentario di Ermelinda Coccia “Vivo”: sette interviste a persone sconosciute tra loro, alla ricerca del senso della vita. Una giovane madre, una persona libera, un uomo affetto da amélia, un ex tossico dipendente, una donna malata di cancro, una persona che ha scoperto la sua vera identità e una bambina di 7 anni. La ricerca-documentario sarà presentata dal giornalista Davide Falcioni, in un colloquio con il moderatore della serata Pasquale Cucco. Seguirà la presentazione della rivista d’arte Rrose, con il direttore editoriale Massimo De Nardo che parlerà del progetto editoriale in cui la creatività si manifesta attraverso molteplici percorsi: arte, design, fotografia, urban art, grafica, teatro, illustrazione, moda, scrittura, architettura, musica.

La serata prosegue con la presentazione di “Pensilina Vonnegut” (Di Felice Edizioni), il romanzo di Sara Casotti, che ha vinto l’edizione 2011 del Premio Letterario Internazionale “Città di Martinsicuro”, mentre la chiusura sarà affidata alle note dei Giacinto Cistola Trio in concerto.

Lunedì 16 luglio il Martinbook Festival si sposta nell’ormai consolidata cornice del lungomare, presso la Rotonda Las Palmas. L’apertura della manifestazione è affidata alle 21,30 agli Amelie Tritesse, gruppo teramano che, attraverso una serie di “storie parlate e cantate”, presenta il cd-libro “Cazzo ne sapete voi del rock and roll – L’Italia raccontata in dieci tracce di energico read’n’rock di provincia” (Interno 4 Records/NdA Press).

La prima serata del Festival è dedicata a Martinsicuro e agli autori locali, alle eccellenze del territorio: Pasquale Cucco, Andrea Buonaspeme, Loretta Tormenti, Anacleta Camaioni, Federico Nardi, Giacinto Cistola che, in una tavola rotonda con Valeria Di Felice, presenteranno le rispettive pubblicazioni e parleranno del rapporto intimo ed irrinunciabile con la scrittura.

“La serata con gli autori di Martinsicuro – ha affermato il presidente dell’associazione Martinbook Matteo Bianchini – rappresenta un passaggio molto importante del Festival, poiché gli ospiti sono una rappresentanza della vera Martinsicuro, quella fatta di passione, cultura, lealtà, condivisione, spesso occultata da fatti di cronaca che pongono sotto una cattiva luce la nostra città. E’ valorizzando le nostre tante risorse umane che possiamo costruire le basi per una città migliore”.

Il Martinbook Festival è patrocinato dalla Provincia di Teramo, dalla Regione Abruzzo e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 429 volte, 1 oggi)