ALBA ADRIATICA – Si sono nuovamente aperte le porte del carcere per Danilo Levakovic, il rom di 25 anni coinvolto nell’omicidio di Emanuele Fadani (e condannato a 10 anni in secondo grado), arrestato dai carabinieri del Norm di Alba Adriatica su disposizione Tribunale per evasione dagli arresti domiciliari.

Il giovane, che stava scontando la pena nella sua abitazione di Alba Adriatica, per più di una volta non è stato trovato in casa durante il controllo dei carabinieri, con i parenti che ogni volta adducevano come scusa un malore per il quale il rom si era dovuto recare improvvisamente in ospedale. A seguito di un dettagliato rapporto dei militari, in cui veniva evidenziato come il giovane non fosse mai stato ricoverato, la Corte d’Appello dell’Aquila ha disposto il suo arresto e per il 25enne si sono aperte le porte del carcere di Castrogno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 610 volte, 1 oggi)