SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Al motto di “muovere idee per promuovere il futuro”, Marche Centro D’Arte è pronta a inaugurare la sua seconda edizione con trenta artisti. Domenica 8 luglio (fino al 30 agosto) a partire dalle 18 presso i locali del PalaRiviera verrà presentata l’expo che porta nelle Marche il ricco e variegato mondo dell’arte contemporanea. Messi in campo i progetti in tutti gli ambiti artistici, con linguaggi che s’intrecciano.

“I numeri sono da piccola Biennale- commenta uno dei curatori, il critico d’arte Gloria Gradassi– grazie al grande respiro, alla ricchezza della proposta e alla collaborazione con la Galleria Marconi, gestita da Franco Marconi, nota in tutta Italia per la sperimentazione artistica che si svolge al suo interno. Dopo la latitanza degli ultimi anni San Benedetto torna al centro del palcoscenico culturale. Gli autori saranno tra i più variegati: quelli che hanno un’esperienza ventennale e uno stile ormai consolidato e coloro che invece si sono affacciati da poco nel mondo dell‘arte che diventa sempre più contaminazione. Non esiste più la tele, ma il suo superamento”.

Insieme alla Gradassi altri due critici/curatori, Luca Panaro e Stefano Verri sono stati invitati a offrire a chiunque visiti l’expo un quadro di quanto sta avvenendo nell’arte contemporanea italiana.

Tre le sezioni che saranno inaugurate l’8:
-“Grow Up” presentata da Gloria Gradassi che propone le opere di Mattia Biagi, Roberto Cicchinè, Davide Coltro, Vanni Cuoghi, Alberto Di Fabio, Giovanni Manunta Pastorello, Matteo Negri, Niba, Rita Soccio, Davide Zucco.

-“Senza titolo” di Panaro con Karin Andersen, Silvia Camporesi, Matteo Girola, Maicol & Mirco, Sabrina Muzi, Maria Lucrezia Schiavarelli, Matilde Soligno, Carloalberto Treccani, Rita Vitali Rosati, Patrizia Zelano.

-“Luogo/Identità” di Verri con le opere di Cristiano Berti, Luigi Carboni, Gigi Cifali, Paolo Consorti, Rocco Dubbini, Maurizio Mercuri – Marco Bernacchia, Filippo Minelli, Giuseppe Restano, Giovanni Termini, Lidia Tropea.

A partire da domenica 15 luglio alle 18 sarà presentata anche “Pixel”, la nuova generazione della videoarte italiana, a cura di Giovanni Viceconte che presenta le opere di Rebecca Agnes, Filippo Berta, Silvia Camporesi, Diego Cibelli, Tiziano Contino, Daniela De Paulis, Armando Fanelli, Alessandro Fonte, Antonio Guiotto, Luca Matti, Matteo Mezzadri, Sabrina Muzi, Laurina Paperina, Maria Pecchioli, Christian Rainer, Cosimo Terlizzi, Devis Venturelli, Diego Zuelli.

Già dalla prima edizione Marche Centro d’Arte si è presentata come una rete in grado di mettere in collegamento artisti, critici, imprenditori e visitatori, mondi a volte distanti che riescono però a incontrarsi in nome della crescita della cultura e della ricchezza di un territorio. I progetto si avvale di una particolare collaborazione anche da parte degli enti pubblici che vede il superamento del concetto di “patrocinio” con quello di “adozione“.

Io riconosco quello che tu stai facendo e ti adotto–  spiega il concetto Lino Rosetti, il vulcanico ideatore della Cocalo’s Club e dell’iniziativa Marche Centro D’Arte e conclude- Questo è uno strumento a disposizione del territorio. Il riverbero culturale dell’arte diventa elemento di aggregazione”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 468 volte, 1 oggi)