MARTINSICURO – Il Martinbook Festival torna a Martinsicuro dal 15 al 21 luglio, con sette serate di arte, musica, libri, incontri con autori, dibattiti. Un connubio di collaborazioni e partecipazioni tra i più variegati: talenti emergenti ed affermati, nomi di spicco sul panorama nazionale ed autori locali, artisti, giornalisti, poeti, letterati che, ancora una volta, si sono dati appuntamento per una settimana sotto il cielo di Martinsicuro.

La manifestazione, giunta alla terza edizione ed organizzata dall’associazione Martinbook, dal Comune di Martinsicuro e dalla Di Felice Edizioni, quest’anno cambia formula e presenta alcune novità. Non ci saranno gli stand con i libri sulla rotonda Las Palmas e le serate saranno dislocate tra la Torre Carlo V, il lungomare e il centro cittadino.

La serata di Anteprima del 15 luglio si terrà alla Torre Carlo V dove l’arte sarà protagonista con il video documentario di Ermelinda Coccia e la presentazione della rivista Rrose, per passare poi alla presentazione della giovane vincitrice dell’edizione 2011 del Premio Letterario “Città di Martinsicuro”, Sara Casotti, con il romanzo “Pensilina Vonnegut”. Non mancherà infine la musica con il concerto dei Giacinto Cistola Trio.

Ogni sera del Festival sarà caratterizzata da una performance artistica, con gli Amelie Tritesse, i Persian Pelican, l’associazione Frammenti, a cui seguiranno gli incontri con gli autori. Si parlerà di poesia con Azzurra Marcozzi e il World Poetry Movement di Roma; di romanzi con Patrizia Di Donato (“La Neve in tasca”) e Carmelo Pistillo (“Ti dico che non ho sognato”); di attualità, con Roberta Bruzzone e il ricercatore Cnr Marco Santarelli che tratteranno, con il giornalista Domenico Marocchi,  di crimini e media; di giornalismo e comunicazione, con Gianluigi Gasparri (“Strafalciopoli – dove la cronaca si fa comica”), in una conversazione con il direttore de La Città Antonio D’Amore.

Due le serate tematiche: la prima, il 16 luglio sarà dedicata agli autori di Martinsicuro, Pasquale Cucco, Andrea Buonaspeme, Anacleta Camaioni, Loretta Tormenti, Federico Nardi, Giacinto Cistola, in un colloquio con Valeria Di Felice sulle opere pubblicate. La seconda serata è dedicata allo sport, ed in particolare al calcio: venerdì 20 luglio in piazza Cavour il giornalista Sky Maurizio Compagnoni e i colleghi Davide Crisci (Il Corriere Adriatico), Sandro Di Stanislao (Il Centro), Pier Paolo Flammini (Riviera Oggi), Luca Zarroli (Cityrumors) avvieranno un dibattito sulle squadre di calcio: dalle società locali che si barcamenano tra tanti sogni e mille difficoltà, ai grandi club offuscati dall’ombra delle scommesse.

Il Festival chiude sabato 21 luglio con il Premio Letterario Internazionale “Città di Martinsicuro”, con decine di autori provenienti da tutta Italia che saranno premiati nelle varie categorie. A fare da cornice alle serate la musica degli allievi delle scuole di musica “Overjazz” di San Benedetto del Tronto e “Istituzione Musicale Giuseppe Sieber” di Offida.

La manifestazione è stata presentata nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il sindaco Paolo Camaioni, il delegato alla Cultura, Boris Giorgetti, la titolare della Di Felice Edizioni, Valeria Di Felice, e il presidente dell’associazione Martinbook, Matteo Bianchini.

“Il Festival è un’iniziativa lodevole – ha affermato il sindaco Camaioni – e sono felice che il Comune abbia dato anche quest’anno il proprio contributo per la realizzazione, nonostante le ristrettezze economiche. Ho avuto modo di conoscere ed apprezzare il grande lavoro che si sta facendo per questa manifestazione di pregio che qualifica Martinsicuro”.

Un accenno è stato fatto anche al budget del Festival: “Quest’anno – ha dichiarato Boris Giorgetti – c’è stata una riduzione del 75% dei fondi rispetto alle precedenti edizioni, ma grazie all’encomiabile lavoro dell’associazione Martinbook, che ha curato la direzione artistica, siamo riusciti a far mantenere al Festival un livello qualitativamente eccellente”.

“Il Festival – ha commentato il presidente dell’associazione Martinbook – è uno degli eventi che riqualificano la città. Tra le novità di quest’anno, che abbiamo pensato per valorizzare e promuovere l’evento, un giornalino quotidiano che sarà distribuito al pubblico e in cui ci sarà il programma della serata in corso e un resoconto di quella precedente, in modo tale che chi assiste agli eventi abbia un panorama degli argomenti trattati e dei protagonisti della manifestazione”.

“Il Martinbook Festival – ha concluso Valeria Di Felice – nasce con finalità di promozione turistica e socio-culturale. E’ un sfida che si pone lo scopo di investire in un territorio pieno di potenzialità. Il Festival vuole proporsi ai turisti come momento culturale e di intrattenimento, e nel contempo come un luogo di incontro tra autori, case editrici, artisti, operatori della cultura. A distanza di tre anni la manifestazione è cresciuta e si sta affermando, tanto che quest’anno sono state numerose le richieste di partecipazione da parte di autori ed artisti a livello non solo locale”.

(In allegato il programma dettagliato)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 535 volte, 1 oggi)