SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non è un’impresa fare impresa. Ne è convinto il Partito Democratico che, a tal proposito, organizza per venerdì 29 giugno un convegno presso la Sala Consiliare del Comune a partire dalle 9.30. “Se vogliamo costruire un futuro dobbiamo scommettere davvero sui ragazzi, partendo dai più fragili”, dichiara convinto Paolo Perazzoli. “Non possiamo bruciare intere generazioni. I Paesi che reagiscono alla crisi sono quelli in cui la coesione sociale è forte”.

Ecco allora l’istituzione di una tavola rotonda, nella quale interverranno tra gli altri il sindaco Gaspari, il segretario provinciale dei democrat Antimo Di Francesco, il coordinatore comunale dei Giovani Pd Gianluca Pompei, il presidente della Provincia Piero Celani, l’onorevole Luciano Agostini, l’assessore regionale Marco Luchetti, Emidio Mandozzi, Alessandro Zocchi e Sandro Rocchetti, presidente della Riserva Sentina. E proprio quest’ultima sarà al centro di una proposta: “Vorremmo proporre un contratto annuale per impresa biologica”.

Tornando alla crisi occupazionale, il Pd snocciola numeri preoccupanti: “I centri provinciali per l’impiego contano 9500 maschi e 12 mila femmine. Un esercito, la maggior parte sono ragazzi”.

Dalla Regione intanto arriva una boccata d’ossigeno con l’idea del Prestito d’Onore. “A livello provinciale – continua il consigliere regionale – ne sono stati concessi già 980 e altri 45 sono in via di definizione. Non sarà concesso sulla base delle garanzie, ma della validità del progetto. La restituzione inizierà dopo quindici mesi. Per i lavoratori autonomi la concessione sarà di 25 mila euro, mentre 50 mila andranno alle micro-imprese, da tre soci in su”.

Un convegno che viene benedetto dal primo cittadino, Gaspari: “Dà il senso all’operato della politica, che non è solo spicciola polemica. Si possono offrire opportunità reinventando e rilanciando situazioni che attualmente esistono. La Sentina e il mare sono opportunità straordinarie”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 288 volte, 1 oggi)