SAN BENEDETTO DELT RONTO – E’ giunta ieri in redazione un’altra nota di Marco Calvaresi dopo la lettera inviatami dall’attuale presidente degli albergatori “Riviera delle Palme”. Riguarda tre problemi, uno di cravatte sulle quali aveva ironizzato Gaetano Sorge e Calvaresi ha risposto con altrettanto humor. Il secondo su chi ha cominciato, il terzo sulla distinzione tra interesse pubblico e privato. Ci possono stare ma è importante che tutti quanti iniziamo a passare dalle parole ai fatti. Prima di mostrarvi il contenuto voglio ricordare al Presidente del Consiglio comunale, seconda carica istituzionale della città, che la mia richiesta del tavolo comune non nasce per un semplice confronto dialettico come ce ne sono tanti e spesso inutili, bensì per ufficializzare pensieri e intenzioni che poi il sottoscritto, nella veste di moderatore e non di giornalista, proverà a farle realizzare senza che nessuno possa più nascondersi. Non sono chiaramente invitati coloro che non ritengono utile creare un polo turistico unico (chiamato Piceno o non so come) al quale affidare la responsabilità di tutto ciò che riguarda accoglienza e promozione turistica. Il presidente di tale organo dovrà essere eletto da chi è già stato nominato dal popolo e dalle associazioni anche private (chi e come è in fase di studio) poi per un anno o due il Direttivo eletto sarà l’unico responsabile di tutto il territorio del quale sto all’uopo preparando una carta che servirà per semplificare il progetto che prevede l’eliminazione di orti e ortolai. Ripeto: mettiamo una pietra su TUTTO e iniziamo a pensare seriamente al futuro nostro, dei nostri figli e delle nostre comunità.

“Chi non è con me, peste lo colga” avrebbe detto Amedeo Nazzari. Cito questa frase perchè, a parole, la stragrande maggioranza di amministratori pubblici e imprenditori si è detta favorevole.

Ecco la lettera:

Caro Direttore
Ti  rispondo con molto piacere, per quanto riguarda il confronto sono sempre disponibile con tutto e con tutti ma la battuta sulle cravatte, a proposito se vuole a Sorge posso regalarne qualcuna…, denota quale sarebbe il livello di confronto con l’attuale Presidente degli Albergatori, d’altronde la polemica è stata iniziata da lui senza motivo con una dialettica sopra le righe.
In passato mi sono astenuto dal commentare gli insulti di Sorge affidando solo alla mia pagina di fb alcune considerazioni, situazione invece diversa da parte del pres. Sorge che si e’ sempre affidato a dei comunicati stampa come se la questione fosse di rilevante importanza.
Ritengo utile ribadire che nel privato ho interessi nel turismo, nel pubblico debbo occuparmi degli interessi della collettività …basterebbe che ognuno di noi fosse capace di fare questa distinzione per aiutare la nostra Città a crescere .
Marco Calvaresi

IL DIRETTORE: Aggiungo che Facebook è un ottimo strumento di comunicazione ma non può essere equiparato ad una chiacchierata o a liberi pensieri espressi al bar tra amici. E tantomeno, detto uso andrebbe fatto dalle due cariche istituzionali più alte di San Benedetto del Tronto. Per esempio non mi pare che ne faccia uso (magari mi sbaglio) l’onorevole Amedeo Ciccanti, il quale non lesina comunicazioni ma lo fa via e mail a privati e giornali i quali ne fanno l’uso che ritengono più opportuno. Mi sembra la strada più giusta e corretta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 736 volte, 1 oggi)