GROTTAMMARE – Proseguono le conferenze stampa sulle anticipazioni dell’evento che avvolge la Perla dell’Adriatico, la Sacra. Dopo gli ultimi dettagli che confermano la manifestazione del 22 giugno, giorno in cui sarà simulato l’ammaraggio di Papa Alessandro III, avvenuto sull’allora porticciolo di Grottammare (1177), nella mattinata del 15 giugno, presso la Sala Consiliare del Comune di Grottammare, alla presenza di alcuni figuranti muniti di abiti, si è presentato l’atteso corteo del 1° Luglio con allegate altre date collegate al ricco programma rievocativo.

E se il 22 di giugno si parteciperà allo sbarco del Papa nei pressi della Piazza Kursaal, il 24 giugno ci sarà la sfilata del corteo civile-religioso del rosso stendardo. Martedì 26 l’imperdibile concerto della Corale Sisto V presso la Chiesa di San Pio, alle ore 21:30 e, per mercoledì 27 giugno, presso il Museo dell’illustrazione Comica, saranno esposte le opere dei “pittori della Sacra”: sette artisti grottammaresi a confronto.

Ma l’atteso evento è per il 1° di luglio. In quel giorno la città di Grottammare accoglierà, dopo cinque anni, il principale evento collettivo popolare civile e religioso. Si narra, infatti, che Alessandro III dopo uno sbarco di fortuna avvenuto a causa di una tempesta sia approdato a Grottammare.

I Monaci di San Martino lo accolsero, invitando il Pontefice a trattenersi sino al 1° luglio, per assistere ai festeggiamenti che la popolazione Picena celebrava da secoli, a ricordo di antichissime tradizioni locali. Molti furono i pellegrini accorsi e il Papa commosso proclamò: “ Tante indulgenze saranno concesse a ogni pellegrino, quanti sono i granelli di sabbia qui contenuti”.

L’assessore alla Cultura Enrico Piergallini soddisfatto per la grande partecipazione della storica sfilata, ha affermato durante la conferenza stampa: “Il corteo storico di quest’anno credo sia il più lungo. C’è la partecipazione dell’intera città. Mentre in passato l’evento era strettamente legato ad alcuni, oggi, la Sacra è divenuta simbolo di Grottammare. Oltre ai settecento i figuranti che sfileranno saranno presenti gruppi e compagnie”.

Ed ecco i nomi degli artisti esterni che parteciperanno al corteo: Laudi Scaenici, Gruppo storico Villa Adriana Nostra, Tamburi e chiarine del Sestiere Maggiore, Compagnia d’arme lo Basilisco-Tabularasa, Errabundi Musici, Il falconiere Mediovale, La compagnia dei Folli e Le Orme del Tempo.

Di seguito il sindaco Luigi Merli ha espresso parole di orgoglio in merito alla realizzazione degli eventi. Il primo cittadino si aspetta e spera che via sia una presenza superiore ai 40mila visitatori.

I dettagli che caratterizzeranno questo magico evento sono molti, come molti saranno gli abiti presenti a sfilare, tutti di nuova realizzazione e disegnati seguendo lo stile di allora. Per quanto riguarda l’illuminazione, quest’anno la scelta è stata di non coprire le luminarie della città con dei panni rossi.

“Il rosso ricorda il Cristo Morto, la Sacra non deve assolutamente ricordare il lutto, bensì la festa – prosegue Piergallini – e la città sarà illuminata a giorno, ci saranno fuochi d’artificio e voci narranti in tre punti diversi della città”.

In chiusura Piergallini ha annunciato che sabato 16 giugno, alle ore 18, in Piazza Kursaal sarà presentata e Benedetta la barca che farà approdare il Papa nella serata del 22 giugno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 955 volte, 1 oggi)