“Da oggi San Benedetto sarà meno appetibile ai turisti e ai pendolari che la sceglievano per un po’ di relax sotto il sole”. Annalisa Ruggieri e Giacomo Massimiani danno così il benvenuto alla tassa di soggiorno, che si va a sommare all’aumento dei ticket dei parcheggi sul lungomare.

“Abbiamo contestato la tassa di soggiorno in consiglio comunale, ritenendo che la stessa avrebbe ucciso il sistema turistico locale in questo momento di grave crisi economica per le famiglie, anche in relazione al fatto che viene applicata disomogeneamente lungo il litorale adriatico da Marche e vicino Abruzzo. Ci siamo sentiti rispondere che tutto veniva compensato dalla Sea Card, panacea di tutti i mali che ricompensava i turisti dell’esborso più o meno gravoso della tassa”.

Qualcosa nel frattempo è cambiato e i due consiglieri di centrodestra lo sottolineano puntualmente: “Tassa e Sea Card binomio vincente? Peccato che le due non vedranno stessa applicazione poiché la carta forse vedrà la luce solo tra 15 giorni. Un mare di opportunità naufragate. Nessuna programmazione e nessun vantaggio, solo una corsa a sistemare questo  progetto-pastrocchio in tutta fretta, nato male e contestato anche dagli operatori turistici, i quali sarebbero dovuti essere i primi entusiasti di un servizio vantaggioso per i loro ospiti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 454 volte, 1 oggi)