La società umana è assimilabile a quella biologica: al cambiamento dell’ambiente esterno, si riorganizza e soltanto gli elementi con maggior resilienza sopravvivono, rendendo la specie (umana) più forte di quella precedente.

Questi credono veramente nel darwinismo economico. Una razza ariana selezionata non per sangue o suolo, ma attraverso scosse di stress mediatico, terrore finanziario, tassazione medievale, comando ineludibile (oltretutto perché non capito e quindi obbedito come dogma).

L‘italiano globalista Mario Draghi, a capo della Banca Centrale Europea, rilascia interviste mensili dove afferma che lo Stato Sociale europeo non è più sostenibile. Ha ragione: la moglie ubriaca e la botte piena non si possono avere, quindi non è possibile salvare e irrorare di migliaia di miliardi di euro i draghi finanziari europei, fornendo loro il sangue come agli squali affamati, e contemporaneamente sostenere il welfare europeo. Non c’è trippa per tutti i draghi.

Welfare europeo che è stato esempio di lungimiranza fin quando, pressati alle frontiere dal mostro comunista, c’era da contendere il favore delle masse che, se fossero tornare quelle affamate e disprezzate di un tempo, si sarebbero vendute alla Russia. Tolto di mezzo l’Est, stiamo tornando al nostro destino millenario (senza la forza delle armi ma grazie all’induzione di essere, noi maiali europei, delle razze infime e inferiori, che quindi meritano la punizione).

Il capo della junta romana, tenuto in piedi da deputati e senatori in massima parte del tutto ignoranti, e, nei vertici, telecomandati (Enrico Letta il giovane, che vai facendo in giro per il mondo, nelle case  dei draghi? Se obbedisci al silenzio voluto dai draghi, tradisci il popolo che ti ha eletto, quindi sei un traditore: e noi ci scandalizziamo ancora) ha rilasciato interviste già nel 1993 e nel 2011 (clicca qui per il video): “Nei momenti di crisi più acuta, progressi più sensibili. Rientro dell’emergenza della crisi, affievolimento della volontà di recuperare. E io qui ho una distorsione positiva riguardo l’Europa. Non dobbiamo sorprenderci che  l’Europa abbia bisogno di crisi e di gravi crisi per fare passi avanti. I passi avanti dell’Europa sono per definizione cessioni di parti di sovranità nazionale ad un potere comunitario. E’ chiaro che un potere politico ma anche il senso di appartenenza dei cittadini ad una comunità nazionale possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo di farle è minore al costo di non farle, perché c’è una crisi economica in atto (…) Abbiamo bisogno delle crisi per fare passi avanti“.

Ora, come scrivono le testate giornalistiche nazionali, “la crisi si aggrava di ora in ora” e quindi si convocano “vertici di emergenza” a Palazzo Chigi. Pane per la bocca del darwinista tecnocratico Mario Monti, dunque. Che naturalmente, forte delle sue convinzioni “dragoniane”, è stato bene attento, in questi mesi, a non disinnescare la malattia europea (solo europea) tale che un governo, persino il suo, può essere messo sulla corda in due giorni. Figuriamoci un governo ribelle, non durerebbe 24 ore. I ladri hanno le chiavi di casa, ma per non far loro rubare, invece di cambiare la serratura, si butta dalla finestra tutta l’argenteria.

Angela Merkel, poi. Ottusa, testarda. Darwinista convinta. La sofferenza formerà l’Uomo Nuovo del Terzo Millennio. Per competere con i Brics (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), ovvero con i “mattoni”, abbiamo bisogno di maiali dentro casa, che facciano il lavoro sporco (Piigs, Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna).

ps. Non ho avuto tempo di esprimermi sul “mito” della crescita, sussultato dopo la vittoria di Hollande ed ora apparso nell’agenda della junta. Sorry. Ma devo aggiungere una cosa: cambiate la serratura, non la carta da parati.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 379 volte, 2 oggi)