SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella mattinata di martedì 12 giugno, nel quartiere Ponterotto si è tenuta la commemorazione dei partigiani Neutro e Salvatore Spinozzi e del brigadiere Elio Fileni, uccisi nel 1944 dai nazifascisti.

Alla breve cerimonia organizzata dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), sezione provinciale di Ascoli Piceno, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, hanno preso parte l’assessore alla partecipazione Luca Spadoni e Marco Calvaresi, presidente del consiglio comunale di San Benedetto del Tronto, il consigliere provinciale Camillo Ciaralli, il sindaco di Acquaviva Picena Pierpaolo Rosetti, il presidente provinciale dell’Anpi Giannino Oddi e numerose autorità militari.

Dopo la deposizione di una corona d’alloro presso il cippo commemorativo di via della Resistenza, luogo dell’eccidio, Spadoni ha ricordato l’importanza di ricordare date che segnano la storia recente di San Benedetto del Tronto: “Ricordare il sacrificio di questi figli della nostra terra è un diritto alla memoria che le istituzioni hanno il dovere di celebrare al fine di conservare il ricordo della Resistenza che è il fondamento della democrazia”.

Il racconto dell’episodio è stato affidato al presidente dell’Associazione Carabinieri di Ascoli Piceno Luigi Crescenzi e al cultore di storia locale Giuliano Chiavaroli dell’Anpi i quali hanno ricordato la figura di Neutro Spinozzi e le tragiche vicende avvenute il 12 giugno del 1944.

“Neutro Spinozzi era uomo dal fisico atletico, nuotatore con eccellenti risultati nelle competizioni sportive – ha raccontato Chiavaroli – visse, fin da bambino, il clima dei processi che spesso il padre subiva, con conseguenti arresti, ordinati dal Tribunale speciale per la difesa dello Stato, con l’accusa di antifascismo e di attivismo sindacale. Di provata fede antifascista si aggregò al comandante Paolini che aveva costituito una formazione partigiana sambenedettese”.

“L’11 giugno 1944 – ha proseguito lo studioso – nel pomeriggio arrivarono nella frazione di Ponterotto alcune camionette dei tedeschi in ritirata che razziavano ogni bene. Rubarono anche la bicicletta ad una donna, Gianna Matassi, che si rivolse a Spinozzi per recuperarla. Neutro Spinozzi si oppose insieme a Salvatore Spinozzi e, in una colluttazione, un militare tedesco rimase ferito ad una guancia. A quel punto iniziò una vera e propria battaglia nella zona che coinvolse anche il brigadiere Elio Fileni il quale però venne catturato, torturato, ucciso e spogliato di tutti i valori. Gli Spinozzi furono colpiti a morte dai tedeschi che infine si portarono verso il centro abitato sparando all’impazzata, minacciando e sequestrando la popolazione residente nella zona. La guerriglia terminò quando i tedeschi accertarono che non si trattava di un’azione partigiana e che l’incidente era stato causato da un loro camerata: il tenente di pattuglia ordinò quindi il rilascio degli ostaggi. Le salme dei caduti vennero tumulate nel civico cimitero e oggi li ricordiamo per l’eroico gesto di difesa dei cittadini sambenedettesi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 189 volte, 1 oggi)