GROTTAMMARE – Una rievocazione storica impressa nell’immaginario collettivo, questo è l’obiettivo dell’amministrazione di Grottammare che in vista della Sacra, evento che si festeggia ogni qual volta il 1° luglio cada di domenica in ricordo dell’ammaraggio di Papa Alessandro III a Grottammare nel 1177, propone alla città e non solo, un nuovo giorno di festa. È stata presentata, infatti, nella mattinata del 31 maggio, presso il Comune di Grottammare, la data in cui si rievocherà il vero ammaraggio del Santo Padre sulla spiaggia della cittadina. Il giorno scelto è per il 22 giugno, alle ore 21:30, in Piazza Kursaal.

Da quest’anno dunque l’evento che fonda la tradizione della Sacra non sarà soltanto rappresentato dal grande corteo del 1° luglio, ma sarà ricostituito attraverso uno spettacolo originale e in previsione di essere riprodotto ogni anno.

“Devo dire che il timore di aggiungere un ulteriore evento ai festeggiamenti della Sacra c’era – ha affermato il sindaco Luigi Merli -. Ovviamente per non dare maggiore carico all’amministrazione, visti i tempi di magra. Poi sono arrivate le forze organizzative, quelle vere e che si prodigano per la propria città. I costi si sono sgravati e questa è la testimonianza che nel nostro paese c’è collaborazione. Spero che questo “sbarco” diventi ogni anno il simbolo dell’inizio dell’estate grottammarese in ricordo della Sacra, evento che come sapete ha una cadenza ciclica particolare e rimane difficile imprimere nella mente”.

Sarà una serata molto particolare quella del 22 di giugno. Ci si catapulterà in una notte nel lontano 1177 e si potrà vivere l’arrivo “tempestoso” del Papa. Ci saranno ben due barche protagoniste della serata e una di queste, sarà colei che farà approdare fisicamente Alessandro III sulla terra con il clamoroso intreccio di fuochi d’artificio, coreografie danzanti e letture storiche. Anche il vestito utilizzato da colui che interpreterà il Santo Padre sarà una chicca, perché pare sia stato riprodotto fedelmente in base agli affreschi di un  pittore del 1400, Spinello Retino.

L’assessore alla Cultura Enrico Piergallini è poi intervenuto: “Le forze per organizzare tutto questo vengono anche dalla cittadinanza.  La serata del 22 giugno sarà importantissima e si dividerà in due parti. Prima ci sarà l’atteso ammaraggio e poi ci si trasferirà in Piazza kursaal e di seguito presso il museo dell’illustrazione Comica (Mic)”.
Il nome del secondo momento dichiarato dall’assessore alla Cultura è intitolato “Sherwood”: le avventure, il romanzo, la leggenda” e consisterà in uno spettacolo di sbandieratori a cura del Gams di Servigliano, contattati anche nell’edizione della Sacra 2007.

Presenti in sala anche gli organizzatori che già da qualche tempo si ritrovano per la realizzazione della serata. Tra loro ha preso la parola il presidente dell’associazione Presepe Vivente Grottammare, Fabrizio Rosati: “Non potevamo non collaborare con l’amministrazione. Ci troviamo ogni sera per riuscire a fare tutto ciò che ci siamo prefissati di realizzare, tra questo la barca per l’approdo. Sarà lunga circa 6 metri per 2 metri di altezza.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 269 volte, 1 oggi)