SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha annunciato lo stop del progetto della centrale di Rivara, paese colpito dal recente terremoto. Ciò la dice lunga su quanto siano sicuri certi impianti. E’ vero, San Benedetto non è zona altamente sismica, tuttavia le condizioni del comune emiliano non erano troppo differenti”. Affermazioni di Maria Rosa Ferritto in Consiglio Comunale, nel corso dell’interpellanza nella quale ammoniva l’amministrazione comunale per la mancata presentazione delle osservazioni relative al Rapporto Preliminare di Sicurezza, depositato dalla Gas Plus.

“Se non c’è qualcosa di scritto che dia più sicurezza non va bene”, ha proseguito l’esponente del Movimento Cinque Stelle. “Quel rapporto di sicurezza è marginale, degli aspetti non sono stati presi assolutamente in considerazione dalla società. Ci sono dei punti veramente ridicoli. Da parte vostra un minimo di reazione poteva e doveva esserci”.

Ha poi proseguito: “E’ assolutamente necessario che vengano date spiegazioni sul motivo di questa assoluta inattività su un progetto che avrà un forte impatto negativo sulla nostra città in termini di salute, sicurezza e interessi economici delle persone. Il 4 giugno scadono i sessanta giorni utili per la presentazione delle osservazioni”.

Immediata la replica, con annessa smentita dell’assessore alla Partecipazione, Luca Spadoni: “I due mesi si riferiscono alle osservazioni derivanti dalle popolazioni. Il termine non vale per il Comune, non c’è nessun obbligo, nessuna scadenza. Noi le proporremo al Comitato tecnico Regionale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 693 volte, 1 oggi)