L’AQUILA – Dalle prime ore del mattino è in corso una vasta operazione sull’immigrazione clandestina e la prostituzione con arresti che sono stati effettuati in Abruzzo, Marche e Umbria. I Carabinieri del Comando provinciale dell’Aquila, in collaborazione con i Comandi provinciali di Ascoli Piceno, Macerata, Perugia, Teramo e Terni hanno dato esecuzione ad una ordinanza di misure cautelari, emessa dal gip distrettuale dell’Aquila nei confronti di 17 persone (per una di queste è stata disposta la carcerazione, mentre per gli altri gli arresti domiciliari) accusate di associazione a delinquere finalizzata a favorire l’ingresso irregolare in Italia di cittadine  extracomunitarie sudamericane ed asiatiche e sfruttamento della prostituzione.

Sono inoltre stati apposti i sigilli a tre agenzie di affari artistici e teatrali e a 4 locali notturni a l’Aquila, Macerata, Ascoli Piceno e Terni.

Le indagini svolte dal Reparto Operativo-Nucleo Investigativo è conseguente alle precedenti indagini avviate dal Nor della Compagnia dell’Aquila nei locali notturni della zona, attraverso cui si è individuata una rete criminosa costituita da 4 impresari artistici, e 9 gestori di locali notturni che operava sul territorio abruzzese dal 2010, con ramificazione anche nel Lazio, Marche e Umbria.

Le persone arrestate, attraverso alcuni intermediari presenti in Asia e nei paesi sudamericani, si procuravano documenti falsi per ottenere il visto d’ingresso per portare in Italia giovani donne provenienti da Cuba, Venezuela, Filippine da avviare alla prostituzione nei locali notturni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 732 volte, 1 oggi)