SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Semplicemente, un successo: la riedizione del dramma “Ttenèlla” curata dall’Associazione Teatrale “Ribalta Picena” , rappresentato nelle serate del 19 e 20 maggio in un Teatro della Concordia gremito in ogni ordine di posti, con biglietti introvabili ben prima dell’apertura del sipario. La messa in scena dell’unica opera teatrale a firma della poetessa Bice Piacentini Rinaldi è stata solo una delle manifestazioni volte a celebrare il 70° anniversario della scomparsa di colei che, con i suoi versi, ha saputo dare, più di ogni altro, dignità letteraria a un dialetto così particolare come quello di San Benedetto.

Il folto pubblico si è commosso al dramma della giovane popolana “malata” d’amore e tradita dal fidanzato invaghitosi di una bella bagnante, e ha applaudito convinto il numeroso cast di attori, in larga parte giovani, (23 tra interpreti e figuranti) che hanno fatto rivivere sulla scena il clima della San Benedetto degli anni ’20 sotto la sapiente direzione del regista Alfredo Amabili e l’accurata organizzazione di Lorenzo Nico.

La produzione artistica, a cura dell’Associazione Teatrale “Ribalta Picena”, si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione Albergatori, della Lega Navale, del Circolo dei Sambenedettesi oltre che del patrocinio dell’Amministrazione Comunale e del contributo della Banca di Credito Cooperativo di Acquaviva Picena e della Banca di Picena Truentina di Ripatransone.

Il successo ottenuto lascia presagire la possibilità di repliche estive, magari in qualche luogo caratteristico della nostra bella città.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 337 volte, 1 oggi)