SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’associazione allenatori di calcio (Aiac) delle province di Ascoli e Fermo chiama a raccolta tutto il variegato mondo dei tecnici e di tutti coloro che passano il loro tempo insegnando l’arte del calcio a giovanissimi, dilettanti e professionisti.

“La vita dell’allenatore è già difficile. Non te la complicare ulteriormente. Associati all’Aiac e sarai uno di noi”, questo lo slogan atto a ricompattare la categoria degli allenatori che sarà pubblicizzato nelle prossime settimane attraverso i media e che vuole dare un segnale chiaro e deciso. L’Aiac ha bisogno degli allenatori così come gli allenatori hanno bisogno dell’Aiac. Non si può prescindere da queste due entità.

Gli allenatori piceni e fermani sono chiamati a dare prova della propria compattezza attraverso l’adesione all’associazione che nel corso degli anni ha ottenuto riconoscimenti tangibili. Dalla possibilità di essere rappresentati nel Consiglio Federale alla costituzione di fondi per la solidarietà, dalla creazione di polizze assicurative ai vari accordi collettivi senza trascurare l’assistenza nei casi di contenzioso con le società di appartenenza.

Per effettuare il versamento della quota associativa ci si deve servire del conto corrente postale numero 13358502 intestato a A.I.A.C. – Associazione Italiana Allenatori Calcio – Via Gabriele D’Annunzio 138 -50135 Firenze oppure visualizzando il sito www.aiac-ap.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 306 volte, 1 oggi)