SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Un attacco d’ira pagato a caro prezzo. E’ quanto è accaduto a S.A., 37enne residente ad Alba Adriatica nella serata di venerdì 18 maggio, verso le ore 22,30.

L’uomo, a bordo di una Honda, era stato fermato dagli agenti della Polstrada che, dopo avergli contestato una violazione amministrativa, avevano disposto il ritiro del motociclo per la durata di 90 giorni.

A questo punto il soggetto, preso da un improvviso raptus iniziava ad aggredire gli uomini di legge a calci e pugni. Alla fine i poliziotti hanno avuto la meglio, riuscendo a mettere le manette all’aggressore. Con le accuse diventate ora molto più pesanti di violenza, resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale.

Marcello Ioannone, comandante del distaccamento cittadino della Polstrada, giunto sul posto, si metteva in contatto con il pubblico ministero della Procura di Ascoli Piceno. Dopo la stesura degli atti della Polizia Giudiziaria, per l’uomo sono scattati gli arresti domiciliari nella sua abitazione di Alba Adriatica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.388 volte, 1 oggi)