Tasse. Andate su questo link: http://www.radioc1inblu.it/tribunastadio/default.asp?inDiretta=6161&id_cps=&ric= e capirete che il governo Monti sta iniziando a mettere mani su un problema di evasione (semi “legalizzata” fino a qualche tempo fa) fiscale che sta toccando livelli di guardia molto pericolosi per l’intera comunità italiana.

Se è vero che ogni evasore danneggia chi le tasse le paga è chiaro che, arrivando a certi eccessi (presunte fatturazioni “truccate” anche superiori a 1 a 3 come nel caso specifico), alla lunga, il vantaggio “ipotetico” delle aziende e quello del fatturante si assottiglia sempre più perché, in tempi di crisi (di cui questa cosa diventa una delle cause), il mancato introito dello Stato porta, come dicevo prima, ad aumentare la pressione fiscale sugli onesti e conseguentemente a diminuire la loro capacità di spesa.

Problema che è alla fonte della crisi economica, la quale non esclude più nessuno quindi… neanche presunti evasori incalliti come nel caso citato sul giornale on line www.radioc1inblu.it. Si dovrebbe però, prima di far intervenire la Finanza, fare un’opera di prevenzione su certe Associazioni (quelle che, in pratica, “riciclano” il denaro “restituito”), che non sono soggette a presentare bilanci e relative denunce dei redditi Quello che è successo con i rimborsi elettorali è abbastanza emblematico in tal senso. Poi, da che mondo è mondo, il male non ha mai portato il bene.

Quindi, visto quanto successo a San Severino Marche, chi continua ad operare in questi modi fraudolenti farebbe bene a prendere alla lettera il famoso proverbio: uomo avvisato, mezzo salvato. Meglio che piangere dopo. Come capita spesso a noi italiani.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 416 volte, 1 oggi)