MARTINSICURO – Ufficializzata la nuova giunta Camaioni, con le deleghe che sono state elencate dal primo cittadino nel corso di una conferenza stampa tenuta venerdì pomeriggio in sala consiliare. “A distanza di 72 ore – ha esordito Paolo Camaioni – sono state assegnate le deleghe alla giunta e ai consiglieri. Ad ogni consigliere è stato affidato un settore non sulla base di valutazioni numeriche, ma seguendo il criterio dell’interesse, della competenza e della rappresentanza territoriale”.
Il vicesindaco sarà Debora Vallese, architetto di Villa Rosa, che si occuperà anche di Urbanistica e Viabilità. Stefano Ciapanna ha avuto la delega del Bilancio, Andrea D’Ambrosio Lavori Pubblici, Manutenzione del Territorio e Ambiente, Massimo Corsi Turismo, Commercio e Demanio, Giulio Eleuteri Servizi Sociali e Pubblica Istruzione.
Oltre ai cinque assessorati, l’amministrazione Camaioni prevede deleghe anche per gli altri consiglieri: Sandro De Angelis si occuperà di Sicurezza, Orlando Di Paolo di Sport e Politiche Giovanili, Olivo De Cesaris di Attività Produttive, Marco Ceci di Trasparenza e Partecipazione, Federico Nardi di Decoro Urbano. La delega al Personale resterà in mano al sindaco. “Ogni consigliere con delega – ha spiegato Camaioni – sarà affiancato dai 5 candidati che non sono stati eletti in Consiglio”. Come capogruppo è stato nominato Stefano Ciapanna, mentre il primo Consiglio comunale si terrà giovedì 24 maggio alle ore 21. Presidente del Consiglio comunale sarà Boris Giorgetti.
A sorpresa poi, le deleghe di Cultura e Pari Opportunità sono state assegnate alla minoranza, rispettivamente a Vagnoni (Progetto Comune) e a Simona Antonini (Cambiamo Insieme).
“La nostra decisione non nasce dalla volontà di voler avere indulgenza dalle minoranze – ha aggiunto il primo cittadino – ma perché siamo convinti che nei due gruppi ci siano le energie giuste per gestire questi settori”.
Un’offerta che però è stata categoricamente rispedita al mittente da Vagnoni e Buonaspeme.
“Apprezzo l’apertura dimostrata – è stato il commento di Vagnoni – ma rifiuto poiché quelle stesse persone che ora mi offrono la delega alla Cultura hanno gettato fango nei miei confronti durante la campagna elettorale, oltre ad aver sistematicamente criticato il mio operato nel settore della Cultura durante i cinque anni trascorsi all’opposizione. Se non ero ritenuto capace di gestire la delega durante la precedente amministrazione, come dimostrano le tante dichiarazioni a mezzo stampa fatte nei miei confronti, non vedo ora come potrebbero esserci le condizioni. Lo considero un atteggiamento poco coerente da parte di questa amministrazione. Il mio compito ora – ha concluso Vagnoni – è quello di fare opposizione, ed è quello che mi atterrò a fare”.
Dello stesso parere anche Andrea Buonaspeme: “Apprezziamo l’offerta, ma le deleghe devono far riferimento alla maggioranza e compito di un’opposizione veramente democratica è quello di controllare e vigilare sull’operato dell’amministrazione. Anche senza delega, garantiremo il rispetto delle Pari Opportunità dai banchi dell’opposizione”. Buonaspeme lancia poi una prima critica a Camaioni per la delega al Personale che ha tenuto per sé: “E’ il primo segno di continuità con l’amministrazione Di Salvatore. In cinque anni nel settore non è stato fatto nulla, mi auguro che non faccia altrettanto il nuovo sindaco”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.396 volte, 1 oggi)