CUPRA MARITTIMA – In francese, là-bas significa lì, laggiù, e indica la distanza che ci separa da qualcosa. Per molti africani è la parola con cui identifica la lontananza dall’Europa e dalle sue prospettive. Per il regista napoletano Guido Lombardi diviene un termine chiave con cui rovesciare l’ordinaria prospettiva sulla distanza che separa gli italiani dagli immigrati. Partendo dalla strage di Castel Volturno avvenuta nel settembre 2008, in cui il Clan dei Casalesi uccise sei giovani clandestini come atto deliberato di violenza razziale e monito sul controllo dei traffici illegali legati al territorio.

Giovedì 10 maggio alle 21.15 al Cinema Margherita di Cupra Marittima si concludono gli appuntamenti di Frammenti dalla Biennale- Frammenti di Festival con la proiezione di “Là -Bas , Educazione criminale” di Guido Lombardi.

Tra gli interpreti troviamo Kader Alassane, Salvatore Ruocco, Moussa Mone, Billy Serigne Faye e Esther Elisha.

Il film ha partecipato al Festival di Venezia 2011 dove ha vinto il Premio Venezia Opera prima “Luigi De Laurentiis” a Guido Lombardi e il Premio del pubblico “Kino” – Settimana della Critica.

 Trama: Castel Volturno, trenta chilometri da Napoli. Un commando di camorristi irrompe in una sartoria di immigrati africani, sparando all’impazzata e uccidendo sei ragazzi di colore. Yssouf, giovane immigrato, decide così di chiudere i conti con suo zio Moses che, dopo averlo convinto a venire in Italia promettendogli un futuro da onesto artigiano, lo ha trasformato nel cinico gestore di un giro milionario di cocaina. Il giovane Germain, la cantante Asetù, la prostituta Suad sono gli altri personaggi di questa storia dove fiction e verità si confondono, scrivendo le pagine del romanzo criminale di un ragazzo dei nostri tempi, intrappolato in una lotta quotidiana per la sopravvivenza. (da www.trovacinema.it)

 Ingressi: interi 6 euro, ridotti 4,50; universitari e con tessera Ancci 4 euro

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 100 volte, 1 oggi)