GROTTAMMARE – Stufe, caldaie e caminetti utilizzati per il riscaldamento di casa saranno censiti dal Comune di Grottammare. L’Amministrazione invita cittadini e residenti  possessori di impianti casalinghi a biomasse (legna, cippato e pellet), a presentare entro il 21 maggio un’autodichiarazione riportante l’ubicazione e le caratteristiche.

La comunicazione andrà fatta su un apposito modello scaricabile da internet: www.comune.grottammare.ap.it o richiedibile all’ufficio Urp, al piano terra del Municipio.

L’adempimento è parte di un programma più ampio finalizzato a contenere il fenomeno dell’inquinamento da polveri sottili, argomento oggetto di un Accordo di Programma tra Regione Marche, Province, Comuni di “zona A” (quelli a maggior rischio), tra cui rientra anche Grottammare, dove è già in vigore un’ordinanza sulla limitazione della circolazione viaria.

Il provvedimento relativo agli impianti alimentati a biomasse riguarderà anche le attività commerciali e produttive. I dati raccolti dal Comune  saranno successivamente inoltrati alla Regione Marche per la formazione di un data base regionale. L’Amministrazione  potrà inoltre decidere di effettuare ispezioni a campione presso i luoghi in cui sono installati i suddetti impianti.

Il Comune ricorda, inoltre, che dal 1° settembre 2012 sarà vietato l’utilizzo di olio combustibile Btz (basso tenore di zolfo).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 289 volte, 1 oggi)