SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cose dell’altro mondo: in attesa del responso del giudice sportivo relativo al ricordo dell’Atletico Trivento in relazione alla gara giocata contro la Samb, la programmazione delle gare play off, previste per domenica prossima, è stata sospesa. Non si sa dunque quando si giocherà. Mercoledì si attenderà l’eventuale decisione che a questo punto rischia ulteriormente di slittare.

Il tutto ha dell’inverosimile e, a questo punto, bisognerebbe dire che l’unico motivo per cui la partita dovrebbe slittare è l’assoluta incapacità della giustizia sportiva della Lega di Serie D, che forse dovrebbe pensare a dimettersi. Stiamo parlando di una gara, Samb-Trivento, giocata lo scorso 8 gennaio, terminata 2-1 per i rossoblu, e per la quale il Trivento presentò immediatamente un ricorso. A distanza di 5 mesi, ancora non si è in grado di esprimersi quasi compromettendo la regolarità del campionato, perché la Samb è arrivata seconda e qualsiasi altra decisione sarebbe inopportuna.

Aggiungiamo: il ricorso si basa sulla mancata corrispondenza del numero di maglia di alcuni giocatori in panchina con il numero reale. Episodio che non capita tanto raramente e che in nessun modo può aver influito sul risultato finale. Lo capirebbe anche un bambino, ma evidentemente non può essere capito da chi non riesce, da cinque mesi, a fare il proprio lavoro: ovvero il giudice, seppur sportivo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.927 volte, 1 oggi)