SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è ancora molto da fare per rendere noto al mondo il vero inferno che alcuni giovani uomini e giovani donne di altri luoghi lontani da noi sono costretti a vivere.

Sarà presentato giovedì 10 maggio, alle ore 21, presso l’auditorium comunale “Tebaldini” a San Benedetto del Tronto, il libro “Il fiore del deserto – Storia di Vicky e di giovani che cercano di uscire dall’inferno”, edizioni Itaca, scritto dalla psicoterapeuta sambenedettese Vittoria Quondamatteo e da Saverio Allevato, uno dei fondatori di Comunione e Liberazione di Roma.

La Quondamatteo, che nel 2009 fu insignita del “Gran Pavese Rossoblu” (riconoscenza della cittadinanza sambenedettese per l’opera svolta da personaggi caratteristici locali) per il suo impegno nel sociale, è la fondatrice dell’Aina Onlus e, attraverso questa associazione ha fatto costruire in Kenia la casa famiglia “Bimbi del Meriggio”, che si occupa di bambini affetti da Hiv.

Il libro racconta, infatti, le tante storie di ragazzi che vivono quella realtà, descrivendo anche l’impegno sociale della psicoterapeuta. A coordinare e presentare la pubblicazione saranno il Sindaco Gaspari, l’assessore Margherita Sorge, Padre Silvano Nicoli, il direttore del settimanale “L’Ancora” Pietro Pompei, il coordinatore dell’Ambito Territoriale 21 Antonio De Santis, la professoressa Alfiera Carminucci con l’intermezzo musicale a cura della “The Red Band”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 488 volte, 1 oggi)