RIPATRANSONE – Riceviamo da  “I ludi Il Bambino Creativo 2012”

Profonda commozione per la perdita di Giorgio Consolini, conseguenza di un incidente domestico con rottura del femore e complicazioni fino a provocarne il decesso a 91 anni.

Giorgio nato a Bologna il 1920  è stato uno dei massimi cantanti degli anni Cinquanta, vincitore di San Remo con la canzone che fece sognare generazioni “Tutte le mamme” assieme a Gino Latilla, altre sue famose canzoni “Vecchio Scarpone” “Usignolo e “Luna rossa” canzone poi ripresa da Frank Sinatra che ha dato nome alla sfida italiana alla coppa America di vela.

Consolini è stato socio e assiduo frequentatore di Ripatransone, ospite di Primo e Arnaldo Angellotti, fondatori del sodalizio la Cantina dell’Arte di Ripatransone.

L’abbraccio va a Lina, la sua dolce moglie e ai suoi due figli. Un dolore per la perdita di Giorgio che ci ha indotto, come comitato organizzatore  “I ludi Il Bambino Creativo 2012” a dedicare al maestro un Riconoscimento Speciale che premi un Bambino vicino alla gioiosa musicalità dell’uomo Giorgio, premio che verrà consegnato dai suoi fraterni amici della Cantina dell’Arte.

Memorabili le sue partecipazioni alla Pasqua dell’Artista, dove si esibiva con Gino Latilla, in duetti musicali che esplorava il loro vasto e conosciuto repertorio. Un fuoco creativo che s’esprimeva al massimo, nel luogo della Cantina dell’Arte, i pochi intimi che hanno avuto la fortuna di assistere a quelle serate, ricordano il calore del canto di Giorgio, stimolato dai gustosi piatti locali e dal vino sincero e cordiale, come il suo carattere. Un canto allegro nelle note, ispirato dall’amore della sua vita, la moglie Lina Zanotti, accompagnato dal mandolino e voce di Arnaldo Angellotti e la chitarra di Vincenzo Travaglini.

Tanti i premi ricevuti nel corso della sua lunghissima carriera: un Disco d’oro e l’Oscar della musica a Parigi insieme a Edith Piaf e Charles Trenet.

I funerali dell’artista si terranno giovedì 3 maggio alle ore 11 nella Chiesa parrocchiale di Riale di Zola Predosa alle porte di Bologna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 556 volte, 1 oggi)