GROTTAMMARE – Cresce il fervore a pochi giorni dal penultimo match di campionato. Il pullman rivierasco fa il pieno di benzina pronto a salire nell’anconetano, nella sfida di domenica contro i padroni di casa della Vigor Senigallia. Zaini e compagni vicinissimi a toccare il cielo con un dito, marchiandosi con l’ufficialità dell’accesso ai Playoff. Anche un pareggio potrebbe bastare, salvo i risultati delle altre compagini nella zona sensibile in cui si trovano i bianco-celesti.

Ciliegina sulla torta che in molti si aspettano, dopo esser stati testimoni oculari di una stagione sportiva eccelsa nella quale si è sbagliato poco, incassando tanto. Concentrazione e motivazione ai massimi livelli e piede sull’acceleratore dell’empietà agonistica, in questa fase finale dove anche il più semplice passaggio di palla deve essere ragionato e misurato, non ci si deve permettere errori a così pochi passi dal possibile coronamento conclusivo.

“Quella di domenica sarà una partita difficilissima – dichiara lo storico direttore sportivo del Grottammare Pino Aniello – la Vigor Senigallia è una delle rivelazioni del campionato. Squadra giovane, sulle ali dell’entusiasmo dopo essere passata dalla prima categoria all’eccellenza la scorsa stagione. Noi andiamo a giocarci la nostra partita per cercare di fare più punti possibili. La tradizione vuole che fuori casa siamo più caustici e produttivi, spero che il cammino prosegua come finora. E’ importante tener saldi la giusta determinazione, attenzione e concentrazione. Il mio desiderio sarebbe fare il pieno e arrivare a 61 punti”.

Ora che la pressione si fa sempre più incalzante, come gestiscono la “torchiatura mediatica” i giovani atleti rivieraschi?

“Siamo tranquilli come non mai, i Playoff sarebbero una soddisfazione personale per i ragazzi che nella loro indole hanno già tutti vinto dopo una campionato del genere. Chiudere con due risultati positivi e accedere alle fasi per il passaggio di categoria sarebbe il massimo, per loro e anche per la società”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 134 volte, 1 oggi)