SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I ragazzi del Futsal Portos sono riusciti a qualificarsi alla fase successiva dei playoff nazionali di Serie B,in virtù della vittoria nella gara di andata contro il Sotedi Jesolo con un sonoro 8-1, ottenuta soprattutto grazie alle sei reti siglate dal rientrante Leleco Miquelussi, lontano dai campi nelle ultime gare a causa di un infortunio, e agli altri due gol marcati Cesetti e Preisler, e del successo anche nella gara di ritorno per 3-1  . Alla vigilia della partita di andata abbiamo intervistato il centrale difensivo Tiago Bestetti e il laterale/pivot Andrea Nava, quest’ultimo militante anche nell’Under 21.

L’Under 21 purtroppo è uscita dai playoff di categoria ma comunque a testa alta. Andrea, parlaci della gara di ritorno. “Abbiamo giocato contro il Pesaro Fano, il risultato purtroppo era compromesso dall’andata in cui abbiamo perso per 6-1, ma abbiamo giocato al massimo delle nostre possibilità dimostrando che potevamo batterli come infatti è stato, c’è rammarico perché potevamo giocare così anche prima ma la nostra annata è stata comunque ottima e non possiamo lamentarci”

Parlando di Serie B invece affronterete Sotedi Jesolo. I risultati in campionato non sono a vostro favore però, con un pareggio e una sconfitta. Come vedete questa gara?
Tiago: “Le due gare di campionato sono state tiratissime, all’andata hanno vinto loro alla fine segnando proprio all’ultimo minuto, perdevamo 3 a 1 ma siamo riusciti a pareggiare la partita peccato che negli ultimi venti secondi sono riusciti a trovare un gol incredibile. In casa invece vincevamo 4 a 2, poi abbiamo perso un po’ di lucidità e loro hanno trovato il pareggio. Possiamo farcela però dobbiamo capire i dettagli della partita per evitare di sbagliarli. Siamo sicuramente migliorati come squadra perché ora ci conosciamo di più ma abbiamo passato un periodo difficile perché abbiamo perso per infortunio dei giocatori importanti che stanno tornando ma non sono al 100%, io stesso sono squalificato per questa gara e non potrò esserci.”

Arrivati a questo punto quanto risentite della stanchezza?
Andrea: “Ci siamo, dobbiamo giocare la partita sapendo che c’è anche il ritorno e non comprometterla e soprattutto dobbiamo giocare per vincere. La stanchezza ai play off va via perché giochi con l’entusiasmo di poter salire, tiri fuori le ultime energie e la concentrazione va oltre ogni fatica. Noi ci alleniamo tutti i giorni e abbiamo fatto un’ultima rifinitura particolare per questa partita specifica.”

Prendendo uno qualunque di voi, l’impressione resta sempre una sola, ossia di trovarsi di fronte ad una grande famiglia. Siete contenti perciò per le vostre compagne che hanno raggiunto anche loro l’obiettivo playoff? “Le ragazze si allenano dopo di noi e quindi siamo in contatto, chi più chi meno. Ovvio quindi che siamo contenti per loro perché giocano per diventare campioni d’Italia e quindi auguriamo loro tutto il meglio anche perché lo meritano se si pensa a quanto hanno lavorato duramente in tutta la stagione.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 288 volte, 1 oggi)