TERAMO- E’ deceduto domenica notte nel policlinico Gemelli di Roma, dove era ricoverato da alcuni giorni, Romano Malavolta junior, industriale 43enne, ex presidente del Teramo Calcio che aveva gestito dal 1997 al 2008 .
Malavolta, terzogenito di Aristide Romano, industriale nel settore dei dolciumi e prodotti refrigerati, titolare dell’ex gruppo Foodinvest, aveva superato diversi problemi di salute, dopo aver subito 2 trapianti cardiaci il primo nel 1997 e l’altro 4 anni fa. Fu proprio nel 97 (quando iniziarono i suoi problemi di cuore) che, oltre ad un maggior coinvolgimento nella gestione delle aziende di famiglia, acquistò il pacchetto azionario di maggioranza del Teramo calcio, allora in Serie C2. Durante la sua gestione il Teramo ottenne la promozione in C1 (stagione 2001/02) e sfiorò la Serie B (stagione 2002/03: 4° posto e conseguente disputa dei Play Off) con in attacco Simone Motta (ora alla Triestina in 1a Divisione Lega Pro Girone B) e Simone Pepe (ora alla Juventus). Poi la retrocessione in C2 nella stagione 2006/07. La sua esperienza come presidente terminò nel 2008, col fallimento del club biancorosso che passò dalla C2 alla Promozione Abruzzo e fu rilevato dall’attuale presidente Luciano Campitelli.
I funerali di Malavolta si terranno mercoledì 25 aprile alle 10, nella parrocchia di San Pietro e Paolo in fondo a viale Europa all’Eur di Roma. Martedì (oggi), dalle 12 alle 16, la salma di Malavolta sarà esposta nella cappella del policlinico Gemelli, sempre a Roma.
In suo ricordo e memoria, in occasione della gara interna di domani col Riccione, la squadra biancorossa scenderà in campo con il lutto al braccio e prima della partita verrà osservato un minuto di raccoglimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.101 volte, 1 oggi)