SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Omaggiare la figura della poetessa più cara alla città di San Benedetto del Tronto a 70 anni dalla sua morte.  Questo l’obiettivo che ha portato l’Amministrazione comunale, in collaborazione con alcuni illuminati studiosi locali e privati cittadini ad allestire una mostra storico-documentale dedicata a Bice Piacentini Rinaldi inaugurata nel pomeriggio di oggi, sabato 21 aprile, presso l’Archivio storico comunale.

Fotografie, manoscritti e appunti originali dell’artista sono stati presentati ai tanti curiosi che desideravano conoscere un po’ più da vicino la vita e le opere di “una donna – come l’ha definita l’assessore alla cultura Margherita Sorge – che ha donato al dialetto sambenedettese la dignità letteraria di una lingua poetica”.

Nell’occasione è stata presentata anche la guida di Palazzo Piacentini, il primo quaderno dell’Archivio storico che illustra il prezioso patrimonio custodito in quella che fu l’elegante dimora della poetessa e che oggi accoglie lo studio di Bice, l’Archivio storico comunale, la Pinacoteca del Mare e la sala della Poesia.

‘A casa di Bice’, questo il nome del libricino, è il risultato del lavoro di ricerca storica di Giuseppe Merlini, Gigi Anelli, Cesare Caselli, Cristiano Marchegiani e Gino Troli. In circa 40 pagine di testi, fotografie d’epoca e attuali viene narrato l’itinerario della memoria della città custodita tra le mura dell’edificio di via del Consolato.

“Attraverso iniziative come questa intendiamo riscoprire luoghi storici cittadini – ha detto il sindaco Gaspari – spazi nei quali il passato si fa presente, dove diventano visibili, grazie allo sforzo di molti cittadini e studiosi, le radici della nostra civiltà marinara e la conoscenza dei personaggi che hanno contribuito ad edificare la cultura sambenedettese”.

“L’Amministrazione proseguirà nella sua opera di valorizzazione del vecchio incasato – ha aggiunto Gaspari – stiamo infatti cercando i finanziamenti per poter rendere fruibili gli scavi archeologici di epoca romana scoperti di recente in piazza Sacconi. Ma sarà necessario l’aiuto degli appassionati di storia per promuovere turisticamente l’immenso patrimonio artistico preservato nel cuore del Paese Alto”.

La mostra sarà aperta il mercoledì e il venerdì, dalle ore 9 alle 13, fino al 15 settembre. I gruppi possono prenotare una visita guidata telefonando allo 0735.794588.

Nel corso dell’inaugurazione sono stati a presentati gli attori della Compagnia teatrale “Ribalta Picena”, molti dei quali giovanissimi, che il 19 e 20 maggio porteranno in scena al Teatro Concordia, alle ore 21,15, “Ttenélla” dramma dialettale in due atti di Bice Piacentini. Dal 2 al 18 maggio sarà possibile acquistare i biglietti al costo di 10 euro presso il Circolo dei Sambenedettesi (via Bragadin, 1 – zona Porto) dal lunedì al venerdì, dalle ore 17 alle 19. Il 19 e il 20 maggio i ticket saranno venduti presso il Teatro Concordia. Per informazioni 0735.585707.

Sempre per celebrare i 70 anni dalla morte di Bice Piacentini verrà pubblicata una stampa anastatica del dramma “Ttenélla”, realizzata grazie al contributo di Circolo dei Sambenedettesi, Lega Navale e Associazione Albergatori “Riviera delle Palme”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 219 volte, 1 oggi)