SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per l’Udc si è da poco inaugurata una fase riorganizzativa. A seguito della decisione della direzione provinciale del partito, guidata da Francesco Viscione, di rinnovare i comitati cittadini attraverso i congressi comunali dei paesi della provincia, anche il direttivo Udc San Benedetto, a cominciare dall’elezione del nuovo segretario Paolo Perozzi lo scorso febbraio, si appresta ad avviare il suo nuovo corso tra riconferme, nuove nomine e alcune novità.

I MEMBRI DEL NUOVO DIRETTIVO Massimo Bertolotti e Giovanni Piergallini, sono i vice segretari mentre ad Andrea Perugini e Domenico Novelli va la carica di segretario amministrativo per il primo e segretario organizzativo per il secondo. Della direzione invece, fanno parte Raffaela Finamore, Silvia Vitali, Massimo Pompei, Emanuele Bassetti, Eliseo Pellicciotti, Sante Cocci, Sergio Agostini, Luca Troiani e Pierluigi Carboni, oltre alla presidenza del comitato comunale Udc ricoperta da Luigi Orlandi.

I DIPARTIMENTI La nuova compagine del partito si contraddistingue poi dall’introduzione di dodici dipartimenti, affidati a ciascuno dei membri del direttivo. Fra questi, troviamo quello del Turismo, Sport e Marketing, Innovazione, Comunicazione e Ricerca fondi, Urbanistica, Lavori Pubblici e Politiche Abitative, Disabilità e Sanità, Politiche Giovanili, Scuola e Sociale. Ancora, Lavoro e Previdenza, Giustizia e formazione, Bilancio, Attività Produttive e Imprese, Rapporti con la Pubblica Amministrazione, Integrazione, Famiglia e Cultura, Protezione Civile e Sicurezza e infine il dipartimento rivolto ai Pensionati.

“Attraverso questa riorganizzazione – spiega il neosegretario Paolo Perozzi – l’Udc intraprende un nuovo percorso continuando comunque il confronto con le altre forze politiche per dare prova di responsabilità nei confronti della società civile”.

Nel durante della conferenza stampa, in cui erano anche presenti il presidente del Consiglio Comunale Marco Calvaresi e il consigliere comunale Udc Domenico Pellei, non è mancata poi l’occasione per fare un bilancio di questo primo anno del “Gaspari-bis” toccando i diversi temi su cui si è concentrato il dibattito dell’Amministrazione da quasi un anno a questa parte, fra cui il piano del porto, il bilancio e la tassa di soggiorno.

“Il nostro ruolo istituzionale all’interno dell’Amministrazione – dichiara il presidente del Consiglio Comunale Marco Calvaresi – vuole rappresentare un contributo affinché si compia uno sviluppo che in città manca. Sono favorevole alla tassa di soggiorno – prosegue Calvaresi – anche se ritengo che attraverso il turismo, che qui in città è quasi prettamente familiare, si può ad esempio puntare sui giovani garantendo delle strutture pensate per loro che al momento non ci sono. Insomma, rivalutare un po’ l’offerta turistica che dalla città si proietta verso tutto il territorio provinciale”.

Oltre a ciò, il ruolo stesso dell’Udc all’interno della maggioranza è stato poi oggetto di qualche considerazione, in riferimento al fatto che in sede di Consiglio Comunale, troppo spesso al momento del voto il partito si astiene.
A riguardo, il consigliere Domenico Pellei replica, “non credo che il nostro impegno si possa misurare dalla quantità di voti favorevoli, contrari oppure se ci si astiene o no. Sulle questioni importanti abbiamo assunto posizioni chiare, come ad esempio il piano del porto che abbiamo approvato, il bilancio previsione 2012 e quello di chiusura 2011 di cui si parlerà venerdì prossimo, oltre all’emendamento che riguarda l’Imu. La stessa posizione chiara che abbiamo assunto riguardo la tassa di soggiorno. La nostra presenza vuole essere collaborativa in riferimento a un’interlocuzione costruttiva per il bene della città”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 733 volte, 1 oggi)