SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un tuffo nella tradizione ed ecco pescato il pesce giusto per il “Brodetto sambenedettese”. Marinai in pensione si sono dati da fare durante la serata del 20 aprile scorso, per insegnare agli alunni dellìIstituto Alberghiero ” Buscemi” i segreti del piatto più tipico della Riviera.

Lezioni di Brodetto” è un’iniziativa organizzata dal dirigente dell’Alberghiero, il professor Alfonso Sgattoni con il patrocinio del Consorzio Turistico e dell’Amministrazione comunale.

Diversi gli “assaggiatori” che hanno presenziato alla cena e soprattutto potuto ascoltare l’esperienza di ex marinai conoscitori del mare che con grande umiltà (uno di loro si è scusato perché non abituato a cucinare per tante persone ndr) cercano di diffondere certe tradizioni ai giovani.

“Le nuove generazioni devono imparare ad apprezzare gli antichi sapori per poi, magari, rivisitarli. Ho fatto cinquanta anni di mare, la mia conoscenza del pesce vorrei tramandarla” commenta il pescatore-cuoco Filippo Speziali.

Il presentatore della serata è stato il professor Marcello Iezzi che, con il solito entusiasmo che lo contraddistingue, ha presentato i piatti e tutti i ragazzi impegnati nella serata.

Una considerazione è doverosa. Spesso si sente dalle associazioni di categoria che uno dei problemi del turismo sambenedettese è anche l’assenza di formazione del personale delle struttore ricettive. Ebbene i ragazzi dell’Alberghiero, guidati dai loro professori, come Giovanni Acciarri, hanno dimostrato di essere impostati e  di saperla lunga su come si sta in sala e si accolgono gli ospiti. Un plauso agli alunni della scuola professionale sanbenedettese.

 

 

 


Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 355 volte, 1 oggi)