MONTEPRANDONE – Riceviamo a riportiamo un’intervista di Fernando Ciarrocchi a Guerriero Traini, presidente del Centro Ricreativo Culturale di Centobuchi.

Il suo compito è impegnativo? Quali servizi svolgete? “Richiede presenza e coinvolgimento. Vi trascorro la maggior parte del mio tempo. Posso farlo perché sono in pensione e credo in una struttura come questa che gestisco anche grazie ai componenti del Consiglio Direttivo sempre disponibili a collaborare. Per iniziare dico che il nostro impegno è a 360° con particolare attenzione agli anziani soli e non autosufficienti. Provvediamo a loro facendo la spesa settimanale portandola a casa, idem per la consegna delle medicine , per il ritiro e la consegna a domicilio del materiale sanitario per l’igiene della persona e infine anche il trasporto degli anziani che devono curarsi con specifiche visite mediche. Tanto per rendere l’idea nel 2011 sono stati effettuati 1.550 servizi per un totale di ben Km 22.000”

Ci sono iniziative nella vostra sede attuale? “Nei pomeriggi di lunedì, mercoledi e venerdi si svolge il corso di ginnastica dolce posturale per gli anziani tra l’altro molto frequentato, poi, c’è anche un corso di danza cui partecipano i bambini di 4 anni fino ai ragazzi di 15 anni: ci sono ben 110 iscritti. Organizziamo gite sociali ai santuari, momenti di intrattenimento per l’estate e le tradizionali feste della mamma e del papà”

Chi ha bisogno come può rivolgersi a voi? “Siamo affiliati alla rete nazionale “Auser- filo d’argento”. Per questo abbiamo attivo il seguente numero verde:800995988 senza scatto alla risposta. Tutto questo è possibile grazie all’impegno, alla disponibilità e alla dedizione dei nostri preziosi volontari che a turno rispondono alle chiamate del numero verde”

Presidente quali sono le maggiori emergenze sociali che rileva tra i vostri assistiti? “Prima fra tutte la solitudine delle persone poi tanta povertà materiale e morale. Spesso consegniamo generi alimentari di prima necessità a famiglie giovani e meno giovani dove per un motivo o per un altro sono prive di reddito e hanno debiti da estinguere”

Con l’Amministrazione Comunale come vi rapportate? “Collaboriamo ampiamente. Insieme abbiamo attivato il servizio dei nonni civici, fungiamo da tutor per le borse lavoro, collaboriamo anche per l’assistenza domiciliare agli anziani e per le cure termali ad Acquasanta Terme durante l’estate cui partecipano numerosi anziani del territorio”

A quando la nuova sede? “Confidiamo nell’attenzione e nella sensibilità dell’Amministrazione Comunale perché tra alcuni mesi qui inizieranno i lavori per realizzarvi un nuovo stabile. Per noi avere una bella sede al centro di Centobuchi è vitale : tutti devono raggiungerci agevolmente per i servizi che eroghiamo. Sarebbe davvero il massimo se potessimo avere una sede al passo con i tempi dotata di conforts e delle nuove teconologie , penso ad una postazione internet per tutti, non dal ultimo ad un ampio magazzino dove mettiamo tutto ciò che quotidianamente può servire a far fronte ai mille bisogni sociali. A tal proposito ricordo che stiamo raccogliendo del materiale che invieremo al villaggio Tacharè con un container. Tutto questo in collaborazione con l’Associazione “Villaggio planetario”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 160 volte, 1 oggi)