GROTTAMMARE – Si sono vinte tante battaglie, ma per la conquista della guerra occorre fare uno sforzo finale. Vincere, e vincere ancora. Da qui fino alle restanti cinque sfide. Non solo per restare con la coscienza a posto e potersi cullare alla fine della stagione dicendo “la nostra parte l’abbiamo fatta”, ma essenzialmente per il rispetto che il Grottammare deve a se stesso dopo i tanti sacrifici perdurati sin da settembre. Quindici punti che forse, nella peggiore delle ipotesi, neanche basteranno a poter accedere  alle fasi dei Playoff causa il regolamento di recente approvazione.

Al di là dell’epilogo, bisogna vincere dando l’accelerata finale per scolpirsi negli annali del calcio Eccellenza Marche come compagine flessibile, avvezza al mutamento morfologico che nel giro di pochi mesi le ha permesso di trasformarsi da squadra in bilico a rischio playout, a team cinicamente spietato, impavido e vittorioso a pochi passi dalla promozione in categoria superiore.

Da domenica quindi, nervi saldi e teste concentrate sui tre punti. Gli avversari sono gli anconetani del Biagio Nazzaro, che nell’ultima partita prima del break per Pasqua hanno sorprendentemente sconfitto di misura la temibile Fermana. Attualmente si trovano a metà classifica a 38 punti. Sfida insidiosa e potenzialmente cruciale per la ripresa psicologica dei rivieraschi, dopo la brutta prestazione a sorpresa di Cagli.

Gli animi in casa bianco-celeste appaiono però rilassati e positivisti, motivati al punto giusto e consci del grande lavoro svolto finora. Alcuni dei protagonisti hanno detto la loro facendo un resoconto generale di quello che è stato il campionato finora, e l’unanimità sembra sancisca un sintomo di soddisfazione e compiacenza ben diffuso.

AGGIORNAMENTO: Partita rinviata a data da destinarsi, maggiori informazioni qui.

AGGIORNAMENTO 2: La FIGC Marche ha decretato che le sfide in programma per domenica 15 aprile (tra cui quella del Grottammare) verranno disputate martedì 17 aprile. Maggiori informazioni qui.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 110 volte, 1 oggi)