E questa è bella davvero.

Renzo Bossi il Trota aveva un autista che lo filmava mentre l’ex consigliere regionale lombardo della Lega Nord (12 mila euro al mese nonostante non manifestasse particolari colpi di genio) figlio di cotanto padre usava il denaro della Lega Nord per pagarsi cene al ristorante o fare il pieno della propria automobile (dice l’autista). Era il 2009, e il Trota non era ancora al Pirellone: era soltanto il figlio pluri-ripetente di cotanto padre.

L’autista si chiama Alessandro Marmello.

Per Sussidiario.net Alessandro Marmello “era ben dentro gli ingranaggi del partito tanto da ricoprire la carica di presidente Provinciale di Milano per SportPadania; cultore della arti marziali, è inoltre, come si evince dal sito ufficiale di Sport Padania, presidente dell’associazione Centro Studi Sicurezza. E’ maestro, con il grado di 2° Dan, di Kung fu nonché campione italiano di Kung fu Tang Lang. E’ anche organizzatore di diversa manifestazioni sportive, tra cui: 1° Trofeo Sole delle Alpi, Kickboxing Federal Fighting, Coppa Milano edizioni 2005, 2006, 2007, Notte Bianca milanese dello Sport 2008,  e Milano in Sport” edizioni 2009 e 2010“.

Però Marmello è anche un bravo bodyguard tecnologico. Sa usare alla perfezione telecamere nascoste, tipo Iena.

Però è anche un tipo in gamba, che riflette. Tipo dal 2009 fino al 2012 si sarà rivisto ogni sera i quattro video che ha registrato (non aggiungono in realtà granché alla figura del Trota) e avrà pensato se denunciare o meno, supponiamo. Chissà quanti tremori. Quante nottate in bianco.

Poi, la gestione allegra della famiglia BarbaBossi arriva finalmente alle cronache nazionali, e allora Alessandro Marmello l’autista bodyguard tecnologico si decide, e porta i quattro video al settimanale Oggi. Cuor di leone.

Pensate oggi chi vorrà assumere Alessandro Marmello, col rischio che ti registri all’improvviso mentre ti scaccoli il naso, e poi trascorra tre anni a riflettere a come doperare quel video esclusivo, da Iena. E alla fine lo diffonda ad un giornale nel momento di massima debolezza.

Chissà che lavoro farà, da domani. Sarebbe interessante saperlo.

Ce ne fossero di uomini tanto coraggiosi, in questa Italia. Ehm, Padania.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.338 volte, 1 oggi)