clicca sulla destra per vedere il video
attendi pochi istanti per lo spot pre-video
il numero di visualizzazioni su YouTube non tiene conto dei video visti direttamente su RivieraOggi.it

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è grossa crisi. E forse serviranno le donne per aiutarci ad uscirne fuori. Questo è l’intento di un progetto della commissione provinciale Pari Opportunità, presieduta da Maria Antonietta Lupi assieme all’assessore del settore e vicepresidente provinciale Pasqualino Piunti.

Si tratta di un corso di formazione per donne imprenditrici che si svolgerà a San Benedetto il 27 e 28 aprile (hotel Poseidon) e il 25 e 26 maggio all’hotel Phoenix, con la collaborazione di Enrica Ciabattoni. Dopo l’estate sarà lo stesso appuntamento sarà riproposto ad Ascoli.

Lo scopo è quello di consentire alle imprenditrici di acquisire delle informazioni e degli strumenti utili da spendere nel campo del lavoro e della professionalità: “Ci rivolgiamo a donne che magari a 40 anni, dopo essere state costrette ad abbandonare il lavoro per motivi di maternità, hanno voglia e necessità di tornare a fare impresa” spiega Piunti.

Al corso potranno partecipare 25 donne, alle quali è richiesta una quota di partecipazione di 50 euro. Questa cifra esigua è possibile grazie all’intervento di due importanti sponsor, l’Ubi-Banca Popolare di Ancona, rappresentata da Michelangelo Eleuteri e il Gruppo Marconi, rappresentato da Bruno Gabrielli in luogo di Giuliana Marconi.Presente alla conferenza di presentazione anche “Ars et intentio – strategy and business consulting” di Roma, rappresentata da Giuseppe Cordaro, la quale collaborerà alla realizzazione del corso.

“In Italia ci sono 1.400.000 imprenditrici – spiega Maria Antonietta Lupi – un numero superiore a quello presente in Francia e Germania. Spesso imprese di piccole e piccolissime dimensioni, che crescono ad un ritmo superiore rispetto a quelle maschili, rispettivamente 0,7% rispetto a 0,2%”.
All’interno del corso, attraverso giochi di ruolo, gruppi di lavoro e laboratori (compreso uno di cucina), si punterà a valorizzare l’intelligenza emotiva e le capacità comunicative acquisendo conoscenze specifiche (ad esempio la conoscenza del sistema bancario).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 753 volte, 1 oggi)