SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come ogni anno, nella seconda metà di marzo, sono pervenuti all’associazione “L’altrArte”, curatrice sotto la guida del fondatore Piernicola Cocchiaro del simposio internazionale “Scultura Viva”, i bozzetti-progetto delle opere che verranno realizzate dagli artisti invitati alla sua prossima edizione, che si terrà a San Benedetto dal 16 al 23 giugno prossimo.

Quest’anno, per la prima volta nella sua lunga storia, il simposio sarà composto da due sezioni: una dedicata alla scultura ed una dedicata alla pittura murale. La sezione scultura vedrà la partecipazione di quattro scultrici degli Usa, Nuova Zelanda, Serbia e Italia e si chiamerà “Scultura Donna”, mentre la sezione pittura murale, vedrà la presenza di quattro muralisti di Spagna, Francia e Italia.

Del gruppo dei muralisti, non farà più parte purtroppo il nostro Marcello Sgattoni, che ha preferito non impegnarsi per motivi di salute. Al suo posto parteciperà invece il francese Guillaume Alby, in arte Remed, che per ovvi motivi di tempo, invierà il suo bozzetto-progetto in un secondo tempo. I bozzetti già inviati sono tutti veramente interessanti e fanno prevedere che quella di quest’anno sarà sicuramente una delle più belle edizioni della storia di Scultura Viva.

Per “Scultura Donna” l’americana Carole Turner realizzerà “Swept away”, una scultura molto dinamica, caratterizzata dalla figura di una donna che soccombe alle onde del mare. La neozelandese Renate Verbrugge, scolpirà “In touch”, un’opera che vuole essere un invito a recuperare il contatto che abbiamo perso con noi stessi e con la natura.

La serba Masa Paunovic realizzerà “The wave”, la stilizzazione geometrica di un’onda marina, che gioca sul forte contrasto dei pieni e dei vuoti. L’italiana Simona De Lorenzo ci regalerà “La vita dentro”, una scultura che vuole rappresentare la vita nascosta custodita nei blocchi di travertino del molo sud erosi dall’acqua. Nella sezione pittura murale, lo spagnolo Jonas Romero Romero, che si firma Kenor, dipingerà “Special forces”, un’opera astratta ricca di dinamismo e colori, che esprime il concetto della decostruzione formale.

L’italiano Pietro Maiozzi, in arte BOL23, realizzerà “Riflessi d’amore”, un murale con il quale, attraverso Lallo il pappagallo, il suo personaggio simbolo, parla dell’amore come origine della nostra gioia. Infine Davide D’angelo, in arte Urka, che partecipa al Simposio come artista giovane e che come cittadino di Colli del Tronto, rappresenterà la creatività artistica del nostro territorio piceno, realizzerà un murale intitolato “Kraken” che raffigurerà il mito del “kraken” che anima da sempre i racconti dei marinai di tutto il mondo. Non rimane altro che attendere l’esito dell’Avviso pubblicato della Fondazione Carisap lo scorso autunno, che prevede un sostanzioso contributo per i progetti per la realizzazione di manifestazioni artistiche nel 2012-2013, sperando che quello su Scultura Viva, presentato dall’associazione “l’altrArte” risulti tra i vincitori.

In tal caso gli artisti che parteciperanno al Simposio passeranno dagli attuali otto a dieci, cinque per ogni sezione. Alla sezione scultura si aggiungerà Beata Rostas, una scultrice ungherese e la sezione pittura murale, vedrà la partecipazione di Alice Pasquini, in arte Alicè, una muralista romana.

Va infine ricordato che “Scultura Viva”, avvalendosi ogni anno grazie alla totale copertura finanziaria dell’amministrazione comunale, riceve anche il contributo economico della Fondazione Carisap e del Lions Club Host di San Benedetto, oltre che della collaborazione storica dell’associazione Allbergatori “Riviera delle palme”, della ditta elettropneumatica e dell’aiuto della Edilware, Fast Edit, Morganti Service e Ristorante Kontatto di Pagliare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 793 volte, 1 oggi)