GROTTAMMARE – Se il bilancio di previsione del 2011 lo avevamo presentato come una taglia e cuci  quest’anno non possiamo esimerci dal dire che i tagli per l’anno 2012 sono fino all’osso. Si è tenuta nella mattinata del 30 marzo la presentazione, dopo l’approvazione nella seduta consigliare del 29 marzo, del bilancio di previsione per l’anno in corso, slittata anche a causa dell’insediamento del nuovo governo tecnico a palazzo Marini.

Il sindaco Merli ha intrapreso un intervento lungo, riflessivo e duro in alcuni punti, sul lavoro svolto: “Abbiamo tagliato tutto quello che era possibile tagliare. La diversità sta nella nostra capacità di non abbassare la testa ma di continuare a pensare che margini di manovra ne rimangono comunque, nella speranza che a livello centrale si torni a ragionare come una nazione che pensa al proprio al futuro, ai giovani, alla ripresa economica e non soltanto a salvaguardare i bilanci, nel rispetto di una logica finanziaria tanto cara al nostro primo ministro Monti.Una logica che sicuramente non va nel verso del soddisfacimento dei bisogni della popolazione, soprattutto quella più povera e nel senso di consentire ai nostri giovani di non perdere la speranza per il futuro, la speranza di una vita possibile. Quindi, andando completamente contro corrente rispetto a quello che è il pensiero unico e dominante, io spero che una buona, sana, vera classe politica italiana sappia rappresentare i bisogni e le necessità della gente, si riappropri della capacità e della potestà decisionale e ricominci a pensare e a ragionare in termini propositivi e non si riduca solo ad approvare asfittici provvedimenti di contenimento adatti soltanto a soddisfare le necessità della grande finanza internazionale”.

Se nel 2011 i cittadini hanno sborsato il 74% pari a 11.224.088,62 euro nell’anno 2102 il loro contributo in tasse sarà pari all’80,40% ovvero a 11.996.199,52 euro e quest’aumento è anche dovuto dai forti tagli effettuati dallo stato centrale: 2milioni di euro in due anni e, da Regione e Provincia circa 200mila euro.

Si è passati immediatamente alla spiegazione della nuova tassa che andrà a sostituire la vecchia Ici, l’Imu (Da ultimo, il Decreto Legge “salva Italia” n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011 n. 214, ha attuato una rivoluzione introducendo l’Imposta Municipale Propria a partire dal primo gennaio 2012 e tagliando drasticamente il Fondo Sperimentale di Riequilibrio introdotto nel 2011 in attuazione del processo di federalismo municipale delineato dal decreto legislativo numero 23del 2011, in sostituzione di precedenti trasferimenti statali), chiamata da Merli durante l’incontro con la stampa: “La patrimoniale non dichiarata”.

Il gettito complessivo con l’applicazione di tali aliquote (4,0 – 5,0 – 10,6 – 2,0 – 7,9 per mille) che vanno per immobile, è stimato in circa 5milioni 274mila euro da confrontare con il gettito Ici del 2011 pari a 2milioni 395mila di euro. Il maggior gettito a carico dei cittadini di Grottammare però andrà per circa il 90% direttamente allo stato, infatti, nelle casse comunali rimarranno circa 300mila euro. “Ci tengo a dire una cosa molto chiara – prosegue Merli – l’Imu sarà assorbita completamente dalle casse dello stato e non del comune di Grottammare”.

Inoltre da quest’anno un’altra tassa entrerà a far parte delle voci di bilancio e sarà l’imposta di soggiorno. Il totale dell’importo che si riuscirà a ricavare è pari a 150mila euro.

Invariate invece le tariffe dei servizi, i genitori potranno stare tranquilli, nessun aumento per autobus e mensa scolastica. Anche la Tarsu non avrà rincari.

Altro aumento invece lo avrà la ritenuta Irpef con l’addizionale comunale, portata allo 0,8% (possibili esenzioni per redditi inferiori).
Altro punto importante invece riguarda gli investimenti che l’amministrazione porterà a termine nel 2012 per un totale di 9milioni e 391mila euro. Al primo posto compare il nuovo Polo scolastico, non ancora partito con i lavori per via di presunti problemi con l’azienda appaltatrice e Il sindaco Merli a riguardo ha affermato: “Decideremo se riequilibrare l’offerta o se fare causa alla ditta”.

Altri progetti saranno l’edificio Erp “Fondazione Costante Maria, il recupero dell’edificio in via Palmaroli, Il recupero dell’ex Municipio per la creazione di un museo con intervento antisismico, completamento dell’edeficio ex ospedale, lavori nel vecchio incasato, mercatino piccola pesca, archivio comunale, realizzazione blocchi di loculi cimiteriali, abbattimento barriere architettoniche presso il cimitero, e abbattimento marciapiedi, compresi nella sezione abbattimento.

Intervenuto anche l’assessore al Bilancio Alessandro Rocchi: “Abbiamo tagliato mantenendo i servizi. Lo stato centrale aveva stimato una riduzione di erogazione di denaro pari a 200 mila euro. Il governo Monti ha effettuato ulteriori diminuzioni, tagliando di ben 300mila euro. I dati sono considerevoli. A oggi rispettando il patto di stabilità dall’anno 2011 ad oggi,  abbiamo un tesoretto di ben 2milioni e 400 mila euro (disavanzo primario) e, ci si aspetta che si arrivi all’anno 2014 con, in cassa 5milioni e 300 mila euro”.

In chiusura si è parlato dell’evento del 2012, la Sacra Giubilare. “I cittadini contribuiranno acquistando il vestito per l’avvenimento – ha concluso Luigi Merli – sarà una celebrazione sensazionale”.

Altro punto importante sarà la nuova collaborazione del comune di Grottammare con Enel Sole e ditte del territorio grottammarese che faranno risparmiare denari nel comparto dell’illuminazione pubblica ed anche emissioni di anidrite carbonica nell’ambiente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 264 volte, 1 oggi)