SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Con provvedimento del sindaco di San Benedetto del Tronto Giovanni Gaspari assunto ai sensi dell’art. 403 del codice civile, quello che attribuisce appunto al primo cittadino la responsabilità della cura dei minori che si trovano “in una condizione di grave pericolo per la propria integrità fisica e psichica”, un ragazzo di 16 anni di nazionalità senegalese, trovato nel territorio cittadino dalle forze dell’ordine senza genitori né altri parenti capaci di prendersi cura di lui, è stato affidato ad una famiglia di cittadini senegalesi residente in città.

Il provvedimento, che ovviamente è stato assunto su relazione dei Servizi sociali del Comune dopo apposita comunicazione alla Procura del Repubblica presso il Tribunale del Minori e dietro assenso della famiglia in questione, costituisce il primo caso nella nostra città di affidamento “omoculturale”, cioè di inserimento di un minore straniero in un nucleo familiare appartente alla stessa etnia.

“Si tratta di una soluzione innovativa e di alto valore sociale – spiega l’assessore alle politiche sociali Margherita Sorge – perché consente al minore di rafforzare la propria identità in una fase delicatissima per lo sviluppo grazie al legame con persone, adeguatamente selezionate, che hanno le stesse radici culturali. Per il Comune, inoltre, la soluzione rappresenta un importante sollievo economico, visto che l’ospitalità nelle comunità di pronta accoglienza, destinazione primaria dei ragazzi che si trovano in quste condizioni, ha un costo molto superiore alla collocazione in famiglia. Basti pensare – conclude Sorge – che dall’inizio dell’anno il comune di San Benedetto ha dovuto provvedere alla sistemazione di 6 minori in comunità con una retta superiore ai 100 euro giornalieri contro un solo caso registratosi in tutto il 2011”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 68 volte, 1 oggi)