NERETO – Il presidente dell’Unione dei  Comuni della Val Vibrata, Alberto Pompizi, sollecita  l’ultimazione del collegamento autostradale Tirreno-Adriatico che arrivi fino ad Alba Adriatica, località balneare che fa da traino nel settore dell’ospitalità turistica abruzzese. La richiesta è contenuta in una lettera indirizzata all’Onorevole Daniele Toto, componente delle IX Commissione (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni) della Camera dei Deputati, titolare della “Toto Costruzioni generali S.p.A” di Chieti, che è inoltre invitato ad un incontro a breve.

“L’autostrada A24, linea di collegamento fra Tirreno e Adriatico, in particolare fra Roma e le città del nord Abruzzo, non è stata mai portata a compimento – si legge nella lettera a firma del presidente Pompizi. Come è noto a tutti, la A24 termina a Teramo poiché il tratto successivo non solo non è stato mai realizzato, ma è stato cancellato dal progetto. Un grave errore politico che ha procurato disagi del comprensorio, soprattutto ai vibratiani ed al loro sistema turistico”.

“ La Val Vibrata – prosegue  la lettera – a tutt’oggi è sofferente del mancato collegamento con Roma non potendo mettere a disposizione dei suoi turisti una viabilità più agevole e meno complicata di quella attuale. La Teramo-Giulianova non soddisfa certo la Val Vibrata. E’ parso di capire che la Toto Costruzioni abbia intenzione di riprendere in mano il progetto primitivo, per portarlo a compimento. In qualità di Presidente dell’Unione, mi sento  di sollecitarla nel portare avanti tale idea e di sostenerla a favore di un territorio che ha bisogno di nuovi stimoli e di nuovi progetti, in particolare nel settore turistico. Tale opera ridarebbe anche ampio respiro ai numerosi disoccupati  vibratiani, oltre ventimila unità. Questo mio intervento tiene conto del fatto che la Toto Costruzioni ha rilevato da poco un’ampia fetta della proprietà della stessa autostrada, come  risulta da articoli apparsi sulla stampa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 222 volte, 1 oggi)