MARTINSICURO – Tommolini che va, Tommolini che viene. Nel centrodestra per un Francesco perso (ex assessore ai Lavori Pubblici), che dal Pdl se ne è andato sbattendo la porta, un Alduino arriva a sostenere il partito e l’intera coalizione. L’ex membro di Città Attiva, dopo numerosi incontri sia con il centrodestra che con il centrosinistra, ha deciso di appoggiare con il suo nuovo gruppo “Martin Rosa” il candidato sindaco Massimo Vagnoni. Una decisione annunciata oggi nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche lo stesso Vagnoni, il segretario dell’Udc Concetto Di Francesco e il senatore Paolo Tancredi.

“Non siamo usciti da Città Attiva perché in cerca di poltrone – ha affermato Alduino Tommolini – ma perché riteniamo che i gruppi spontanei debbano trovare occasione di crescita nel sistema politico per tentare di cambiare davvero le cose”. Un’affermazione che rimanda ai contrasti avuti all’interno di Città Attiva e che sarebbero stati alla base della scissione, con Tommolini da un lato palesemente pro alleanze politiche in vista delle amministrative, e dall’altra il resto del gruppo, che ha deciso invece di camminare in solitaria.

Sul mancato accordo con Città Attiva si è soffermato anche il senatore Tancredi: “Quando non si costituisce un’alleanza, io ritengo che la colpa sia di entrambe le parti – ha affermato – ma credo che in questo caso il Pdl abbia fatto tutto il possibile per aggregare il gruppo civico”.

Sull’alleanza con “Martin Rosa” il senatore ha poi concluso che “l’accordo non è basato sui numeri e sui voti, bensì sulla volontà di costruire qualcosa assieme per Martinsicuro”.

E se l’ex cittattivista è entrato a far parte della coalizione di centrodestra, l’ex assessore ai Lavori Pubblici Francesco Tommolini ne è uscito, e dal Pdl è approdato alla Lega Nord, di cui sarà il candidato sindaco alle prossime elezioni. “Ho lasciato il Pdl – ha affermato – in quanto non mi riconoscevo più in un certo modo di fare politica a proprio uso e consumo personale, dove non c’era il confronto, cosa per me invece essenziale. Voglio ripartire con un gruppo che ha voglia di lavorare per il territorio e che proprio della valorizzazione del territorio e della sicurezza farà il proprio cavallo di battaglia”. La nuova sfida politica di Tommolini si è concretizzata nell’arco di una settimana, e da neoleghista sostiene che “la Lega aprirà a quanti vorranno sposare i nostri principi, ma il nostro simbolo non potrà mai affiancarsi a quello dei partiti che appoggiano il Governo Monti”. Nella lista, in via di costituzione, sarà presente l’assessore allo Sport Alberto Tuccini. La Lega ha inoltre incaricato Massimo Clementoni come referente del partito a Martinsicuro durante il periodo elettorale.

Anche Futuro e Libertà si presenta alle amministrative con il candidato sindaco Toni Lattanzi. “La nostra sarà una lista civica aperta anche a persone senza tessera di partito. Avremo un programma fatto di pochi ma fondamentali punti tra cui quello della sicurezza, di cui prospettiamo soluzioni incisive per ridare dignità a Martinsicuro. Lo slogan sarà infatti “Riprendiamoci la nostra città”.

Ad affiancare Lattanzi ci sarà Gianfranco De Luca, mentre non si ricandiderà Luigino Fedeli.

Nel panorama politico c’è anche la civica Martinus, che vede come candidato sindaco Gianfranco Tommolini: sono dunque sei le liste che si sfideranno alle amministrative del 6 e 7 maggio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 818 volte, 1 oggi)