SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Problemi dell’infanzia e taglio e  conseguenze negative dei tagli: sono questi i  temi al centro della bozza ”Festa dei bambini” inviataci da Tonino  Armata, presidente dell’Associazione Città dei bambini.I bambini con i loro problemi, in una società complessa come l’attuale, non sono al centro dell’attenzione dell’amministrazione della nostra città, della Provincia e della Regione, scrive Armata. Vi è più declamazione sui  diritti che impegno organico e coerente per attuarli. Nel nostro immaginario collettivo è  maggiormente presente il bambino senza problema o il”bambino problema”. E’ invece del tutto assente il bambino comune, il bambino reale con i suoi bisogni di essere più che avere.

I promotori dell’associazione Città dei Bambini si sono costituiti per creare un movimento che tenga la luce accesa su questi  problemi e per provare ad invertire la  tendenza o quanto meno a ridurre le conseguenze negative di questi tagli e a trovare auspicabili e possibili soluzioni. Convinti che una coerente “cultura per l’infanzia” non possa aspettare. L’associazione Città dei Bambini ha messo in campo alcune persone qualificate, in grado di occuparsi della situazione dell’infanzia. Loro sostengono che investire tempo, ricerca, risorse intellettuali ed economiche nei servizi educativi come la Festa dei Bambini sia un’azione utile a creare un futuro migliore. In un periodo di forte difficoltà economica,è  maggior ragione utile investire  sulla cultura e soprattutto sulla  cultura dell’infanzia per  evitare che, i  bambini  con  problemi  diventino adulti  con problemi esistenziali in un prossimo futuro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 303 volte, 1 oggi)