CUPRA MARITTIMA – Avrà un bel da fare Giovanni Manzoni ora che è presidente del Quartiere 2 di Cupra Marittima. Sarà lui a fare da portavoce delle esigenze dei residenti della zona che comprende via Ennio Ruzzi dal fosso di Sant’Egidio fino al confine con Ripatransone.

Una zona con un panorama da tutelare ed un verde unico nel suo genere, oltre ad alcune questioni da risolvere sono le prime proposte di Manzoni.

C’è l’idea di un nuovo ponte sul torrente Sant’Egidio poichè quello attuale, a suo parere, non è sufficiente a smaltire il traffico.

Tra i problemi principali della zona inoltre Manzoni segnala l’eccessiva velocità dei veicoli in via Ennio Ruzzi: «Sarebbe opportuno che il Comune intervenisse con dei dissuasori di velocità, dei dossi artificiali, insomma qualcosa per far rallentare le vetture che non rispettano i limiti di velocità e rendono il transito pericoloso».

Altro problema del quartiere è l’inesistenza dei marciapiedi nel tratto di Statale 16, marciapiedi che un tempo erano esistenti ma che poi, dopo autorizzazione, sono diventati parcheggi, con il risultato che i pedoni sono in continuazione esposti ai rischi del traffico.  «Anche una più adeguata manutenzione del Fosso Sant’Egidio – conclude Manzoni – sarebbe indicata per un maggiore sicurezza e valorizzazione dei quartiere».

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 231 volte, 1 oggi)