TERAMO – Firmato oggi in Provincia il protocollo d’intesa tra l’assessorato provinciale alle Politiche sociali, la Fondazione ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) Onlus e la sezione provinciale ANDI Teramo, per l’attuazione del progetto pilota “Adotta un sorriso”, che garantirà cure odontoiatriche gratuite ai minori ospiti delle case famiglia o in affido. Alla firma sono intervenuti l’assessore al ramo, Renato Rasicci, il presidente nazionale della Fondazione ANDI Onlus, Giovanni Evangelista Mancini, il presidente regionale ANDI, Umberto Ciciarelli, e il presidente della sezione provinciale ANDI, Alessandro De Dominicis.

“L’iniziativa – spiega l’assessore Rasicci -,  alla quale aderiamo come prima Provincia in Italia, mira a offrire prestazioni di diagnosi e cura a carattere gratuito presso i professionisti operanti sul territorio, associati all’ANDI, che si renderanno disponibili. Si viene ad assicurare così un servizio con carattere di gratuità, ma anche di elevato standard qualitativo e professionalità. Come Provincia provvederemo ora ad informare dell’attivazione del servizio le case famiglia operanti sul territorio, i settori politiche sociali dei 47 Comuni e gli Enti d’ambito sociale che gestiscono il servizio di affido etero-familiare dei minori. Inoltre, la Provincia monitorerà lo svolgimento delle attività, allo scopo di migliorarne efficacia e qualità, anche attraverso un protocollo operativo che sarà redatto con i responsabili degli organismi coinvolti”.

L’elenco delle strutture di accoglienza sarà quindi fornito alla sezione provinciale ANDI e alla Fondazione ANDI Onlus, per consentire un contatto diretto con il responsabile delle stesse, che a sua volta dovrà procedere ad individuare i minori che necessitano delle cure odontoiatriche, prendere contatto con il dentista e concordare le modalità della prestazione medica, fornendo tutta la documentazione clinica necessaria (precedenti patologie, allergie ecc.) del paziente. Per i minori in affido, queste attività saranno svolte dal responsabile dell’ente locale.

“Il progetto – spiega il presidente della Fondazione ANDI, Mancini – è finalizzato al miglioramento della salute orale dei minori e si prefigge anche una finalità di tipo epidemiologico, per individuare le principali necessità terapeutiche. La Provincia di Teramo in tal senso rappresenta un esempio, in quanto si è attivata su questo fronte a sostegno di bambini con problematiche  odontoiatriche che non riescono, per vari motivi, ad affrontare in modo adeguato. L’auspicio è che anche altri enti a livello nazionale si attivino per avviare un protocollo analogo”.

“In seguito alle attività di assistenza gratuita prestate all’Aquila dopo il terremoto – interviene il presidente regionale ANDI, Ciciarelli –, la nostra Associazione torna ad impegnarsi in un’importante iniziativa all’insegna della solidarietà e per la promozione della cultura della prevenzione, grazie alla particolare sensibilità dimostrata dalla Provincia di Teramo e dai dirigenti provinciali ANDI”.

“Un progetto pilota – conclude il presidente della sezione provinciale ANDI, De Dominicis – che testimonia l’impegno della nostra associazione, che in provincia vanta oltre 150 soci con una distribuzione capillare sul territorio, per il sociale. Forniremo alla Provincia l’elenco dei professionisti aderenti all’iniziativa, con l’obiettivo di raggiungere il rapporto ottimale di un dentista per un paziente, anche allo scopo di creare un fondamentale rapporto umano e di fiducia, che, nello specifico, è doveroso assicurare per i destinatari del progetto e, in generale, alla base di ogni efficiente ed efficace intervento terapeutico”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)