GROTTAMMARE – La polemica tra l’Amministrazione comunale e il gruppo capeggiato da  Sandro Mariani è finito in qualche maniera su Facebook. Molti grottammaresi, hanno infatti detto la loro sulla fine dei pini tagliati in via della Stazione.

Ricordiamo che proprio in questa testata si sono alternate le parole del sindaco Luigi Merli  in risposta alle accuse del capogruppo di “Grottammare Futura”. Incolumità pubblica il primo; rispetto della natura il secondo.

Sul social network abbiamo trovato messaggi del tipo: “Ci giocavo quando ero piccolo”. Molti residenti si ricordano quando vennero piantati e una volta i bambini si divertivano a giocare a “nascondino” dietro a quegli alberi.

Poi la polemica: “Ma con tutte le zone del paese dove c’è una mancanza di sicurezza, proprio gli alberi a cui ero affezionato dovevano tagliare?!? Non si poteva fare altro? Possibile? Cioè voglio dire, a Grottammare ci sono il soldi per un velodromo ma non quelli per sistemare qualche pianta?”.

Dai commenti si deduce che dei cittadini non sapessero niente di questa decisione e che l’hanno interpretata come troppo tempestiva: “Dico solo che forse si poteva fare qualcos’altro di meno sbrigativo… forse questa è la soluzione migliore, ma mi sembra un po’ drastica”.

“Ammazza che democrazia!! Centocinquanta persone hanno un tale potere decisionale?” Il commento si riferisce al numero dei cittadini firmatari che hanno acconsentito al taglio dei pini.

Ma poi c’è anche chi consiglia a coloro che polemizzano di frequentare gli incontri di quartiere, luogo in cui certe decisioni si prendono e dove tutti sono invitati a partecipare.

Immediata la risposta (l’ultima tra i commenti) “Però se tutti vengono chiamati e nessuno si presenta c’è qualcosa da rivedere!”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 192 volte, 1 oggi)