SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Allagamenti, scarsa manutenzione della rete fognaria, disagi e proteste. Lo scenario è sempre lo stesso quando in città un nubifragio, seppur di lieve intensità, provoca ingenti danni a esercizi commerciali e abitazioni.

Ora però, è arrivato il momento di presentare il conto ai responsabili di questa situazione con una class action che prende forma con una lettera di diffida proposta da un gruppo di commercianti e residenti e sottoscritta dal presidente del Comitato di quartiere Marina centro Pierfrancesco Troli e dall’avvocato Chiara Cardarelli.

Il documento, protocollato in Comune nella mattinata di venerdì 16 marzo e indirizzato al sindaco Giovanni Gaspari, invita infatti il primo cittadino al risarcimento dei danni subiti dai cittadini visti i recenti allagamenti del 21 febbraio e 6 marzo scorso.

Al momento non è dato sapere a quanto ammonta la cifra da corrispondere, visto che è in corso una perizia nei luoghi colpiti dalle alluvioni da parte dell’ingegnere incaricato da Troli e dall’avvocato Cardarelli. “Quest’iniziativa è volta a individuare i responsabili di un disservizio del genere. La somma non sarà di certo irrisoria e in mancanza di risposte adeguate da parte del sindaco, ci rivolgeremo all’Autorità Giudiziaria per la richiesta di risarcimento”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 786 volte, 1 oggi)