RIPATRANSONE – La Start spa ha deciso di abolire tutte le corse domenicali tra Ripatransone e la costa sollevando immediatamente un disappunto del sindaco Paolo D’Erasmo: “Il trasporto pubblico è un servizio, soprattutto in una realtà territoriale come quella picena, con decine di paesi collinari dove la mobilità per le fasce più deboli è più difficoltosa”.

Il primo cittadino ripano sottolinea l’importanza di un servizio per i tanti anziani e giovani che, avendo garantita almeno una corsa pomeridiana festiva, potrebbero continuare a muoversi autonomamente verso la Riviera e dalla Riviera.

“Ma- continua D’Erasmo- abbiamo anche strutture, come la Rsa (Residenza Assistenziale Sanitaria) che, specialmente la domenica, hanno bisogno del trasporto pubblico per i familiari che si spostano per far visita ai propri parenti qui ospitati”.

Secondo il sindaco la Provincia avrebbe dovuto innanzi tutto effettuare un’opera di razionalizzazione del servizio, poi trovare le risorse necessarie per garantire le corse soppresse dalla Start. D’Erasmo ammette che lo Stato, abbia ridotto i trasferimenti agli Enti locali e alle Province, ma a suo avviso dei bravi amministratori dovrebbero anche farsi carico delle esigenze di un territorio complesso come quello ripano e trovare le soluzioni migliori.

“Fin troppo facile cancellare corse e lasciare a piedi chi ha bisogno. Si torni indietro su decisioni così sbagliate”, conclude il sindaco.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 320 volte, 1 oggi)