VAL VIBRATA – Minacce e intimidazioni nei confronti dei trans che si prostituivano soprattutto sulla Bonifica del Tronto e che si rifiutavano di pagare l’occupazione del marciapiede. Ieri mattina gli agenti della Squadra Mobile di Teramo, su disposizione del gip del Tribunale di Teramo, hanno dato esecuzione alla misura cautelare personale di divieto di dimora nei territori di Martinsicuro, Alba Adriatica, Colonnella, Controguerra, Ancarano e Sant’Egidio alla Vibrata nei confronti di tre brasiliani transessuali, Wilson Silva, 63 anni in possesso della cittadinanza italiana, Alvaro Filho Paulo De Assis 44 anni senza fissa dimora e con il permesso di soggiorno scaduto, e D.D.T.R, di 44 anni clandestino, che si è reso irreperibile.

Attraverso le indagini della Squadra Mobile avviate lo scorso mese di dicembre, è emerso che i tre transessuali minacciavano con veri e propri segnali di avvertimento alcuni connazionali dediti alla prostituzione sulla Bonifica, chiedendo loro ingenti somme di denaro come pagamento per l’occupazione di uno spazio di marciapiede. Chi si rifiutava di pagare subiva delle ritorsioni. In alcuni casi sono state danneggiate le auto dei trans e si è verificato anche un episodio in cui i tre avevano gettato liquido urticante sul volto di un connazionale, che non aveva riportato gravi conseguenze solo grazie alle cure tempestive in un ospedale del territorio. Atteggiamenti vessatori che erano indirizzati non solo nei confronti dei transessuali, ma anche di prostitute brasiliane.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 660 volte, 1 oggi)