SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dipendenti dell’ospedale Madonna del Soccorso trasferiti in massa all’ospedale Mazzoni di Ascoli? La Cgil di San Benedetto, attraverso il segretario provinciale della Funzione Pubblica , cerca conferme e risposte chiare: “La Direzione di Area Vasta tarda a presentare una proposta, non smentisce le notizie di stampa e non dimostra di avere alcuna autonomia nei confronti della direzione dell’Asur, che è ancora gestita solo con la logica del taglio alle risorse già scarse”.

“L’integrazione delle due strutture, con tutti i servizi sanitari e amministrativi, è un obiettivo importante che non possiamo permettere a nessuno di far fallire. Un obiettivo raggiungibile solo riconoscendo alle due strutture pari dignità. La Fp Cgil si opporrà a qualsiasi trasferimento, che non sia preceduto da un chiaro progetto organizzativo, con l’obiettivo di garantire la funzionalità dei servizi in tutta la struttura, creando il minor disagio possibile al personale – scrive Vagnoni – Nel contesto del progetto amministrativo, riteniamo che nessun dipendente debba essere trasferito, se non volontario, in quanto il personale può continuare a garantire l’attività a distanza utilizzando tutte le tecnologie telematiche. La Fp Cgil auspica, in tempi brevissimi, un chiarimento da parte della Direzione di Area Vasta e annuncia una assemblea del personale amministrativo di San Benedetto del Tronto da tenersi in settimana”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 606 volte, 1 oggi)