GROTTAMMARE – Un nostro articolo di qualche giorno fa, aveva originato molti commenti tra i lettori a causa delle foto scattate al parcheggio scambiatore all’uscita del casello autostradale di Grottammare, pieno di buche e utilizzato come discarica.

Per  un quadro più chiaro della situazione, visto che in qualche commento la sosta era stata definita “abusiva”, abbiamo deciso di sentire Luigi Merli.

Il sindaco ci ha spiegato che l’area appartiene all’Anas (Società Autostrade) e pertanto il Comune non potrebbe intervenire, anche se ci confessa che delle volte manda i suoi operai a chiudere qualche buco di troppo: “Sono tre anni che abbiamo fatto richiesta all’Anas di un comodato sul parcheggio. Circa due anni fa la società ci aveva inviato una bozza che avevamo immediatamente letto, sottoscritto e rinviato. Stiamo ancora aspettando che il contratto firmato da loro ritorni. Non facciamo altro che sollecitare la cosa”.

(Per comodato s’intende quella forma di contratto per cui si consegna una cosa mobile o un immobile gratuitamente per un tempo determinato ndr)

Il sindaco ci parla anche della sola alternativa che avrebbe per far fronte a tale degrado: la chiusura dell’area rialzando il marciapiede e negando così l’accesso alle macchine.

Mi rifiuto però – continua Merli – di optare per questa soluzione visto che trovo sensato che le persone magari per andare a lavorare, si ritrovino nel parcheggio e poi usino una sola automobile sola per prendere l’autostrada. Anche se ridotto in quelle condizioni il parcheggio svolge un servizio importante”.

Il fatto che l’area sia di un privato, l’Anas per l’appunto, rende non possibile per l’Amministrazione comunale rimuovere la vettura abbandonata.

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 554 volte, 1 oggi)